DEVIL DOLLS – We Are (Corduroy) / GREENHORNET – SoulScum (My First Sonny Weissmuller) / FIREBIRDS – Their Second Album (My First Sonny Weissmuller)  

0

Dalle parti dell’Australia è finito Jay Wiseman, già voce dei mitici quanto dimenticati Hoods. A Sydney ha trovato una gran bella donna e messo su una band chiamata Devil Dolls. Il loro album è un disco di buon punk ’77 alla Avengers appena deviato da certi echi sixties (Stoned, My Baby, Nag) ma sarebbe ora che la voce di Jay qui protagonista della sola cover di He’s a Whore dei Cheap Trick tornasse al ruolo basilare che le compete, alternandosi e intrecciandosi a quella della bambola Mirella. Per chi è alla costante ricerca di qualche scalcagnata band che perpetri il verbo blues anche nel nuovo secolo, consiglio caldamente Soulscum dei GreenHornet. Sentirete cosa si prova a farsi mordere il culo da un mastino che sbava blues. Il terzetto olandese suona oggi quello che suonerebbe Jon Spencer costretto a pubblicare su Crypt fino al ritorno sulla terra di Robert Johnson. Ogni tanto vengono fuori anche evidenti influenze surf e twangin’ (Single Shot, Get Locked) che li avvicinano a band come i Boss Martians e che non fanno altro che renderceli ancora più simpatici. Per la stessa label esce pure il nuovo dei Firebirds che sul Their Second Album continuano malgrado il cambio di line-up a fare quello che facevano già benissimo sul primo: beat secco, surf e instro-rock, R ‘n B albino, roba che piacerebbe a gente come Billy Childish o Tim Warren e che piace una cifra anche a me e a Porky Chedwik.

 

                                                                                  Franco “Lys” Dimauro

r-1643716-1234127640-jpeg

r-3486216-1455442524-1213-jpeg

firebirds

 

KATE BUSH – Hounds of Love (EMI)  

0

Non avrebbe avuto vita facile Kate Bush, nel Medioevo. Troppo facile individuare le prove di un qualche sortilegio tra le pieghe della sua musica per non scatenare i furetti dell’Inquisizione. Troppo semplice bollare Hounds of Love come opera esoterica ispirata dal demonio. Sarebbero bastati i campionamenti di film come La notte del demonio o Nosferatu oppure i richiami ai canti delle sirene o ai riti propiziatori dei rabdomanti a garantirle il rogo. O ascoltare la voce del Demonio in persona su Walking the Witch

Buon per lei e per noi che un’opera come questa sia uscita quando la caccia alle streghe si era ufficialmente conclusa diventando nient’altro che un affare da pettegolezzo, una discussione mondana da aperitivo con le amiche, chè le streghe nell’immaginario collettivo non sono mai scomparse del tutto.

Kate era una di loro. Hounds of Love il suo incantesimo più riuscito. Che se riuscite a sfuggirgli, allora avete cerume buono e muscolo cardiaco poco elastico. E se non è riuscito a curarvelo la magia, non riuscirà a sistemarlo un cardiologo qualsiasi.       

Gotico e tribale allo stesso tempo, permeato di acqua-terra-aria-fuoco in misure diseguali ma in quantità ingombranti, celestiale e demoniaco come l’amore tutto (“c’è un tuono nascosto nei nostri cuori. C’è così tanto odio per coloro che amiamo?” recita nella monumentale Running Up That Hill che inaugura il disco già tutta in salita), Hounds of Love è una delle più autorevoli opere d’arte pagana mai concepite da mente umana.

Ci sono interi mondi che collidono, qui dentro. Interi continenti alla deriva. Intere nazioni che sciamano. Interi secoli che scivolano uno sull’altro come enormi lastre di ghiaccio.

Gighe irlandesi, canti gregoriani, Africa, Egitto, Cina, Lochness. Bowie, Gabriel, i Japan, Philip Glass. Ragnatele d’amore. Mulinelli di vapore. Bracieri che ardono per gli Dei, bruciando carne umana ed erbe aromatiche.   

Il mondo emerso e quello sommerso.

E il mondo di Kate Bush, in incantevole equilibrio su entrambi.    

  

                                                                                  Franco “Lys” Dimauro

KING SALAMI & THE CUMBERLAND THREE – Goin’ Back to Wurstville (Dirty Water)  

0

In attesa che il Re Khan torni a riprendersi la corona, ecco ripresentarsi il pretendente al trono Re Salami, tornato all’album dopo quattro anni di assenza mitigata dalle uscite su piccolo formato. 

Goin’ Back to Wurtsville è uno di quei dischi dove possiamo dare picche al Professor Darwin e tornare a liberare lo scimpanzè che da sempre si nasconde in noi e che ha sempre rifiutato di regredire in uomo perbene. Beat primordiali, spruzzate di maracas, barriti di sax e quell’aria da delirante da Animal House che si respirava nei dischi dei King Kurt e dei Savages di Barrence Whitfield o nelle sudicie raccolte di Slow Grind.  

Per cui, finito il lavoro, invece di passare dal solito pub a tracannare birra dopo aver allentato la cravatta, mettete su un bel kaftano e un fez, infilate una bella cannuccia dentro il ventre di un ananas o nella pancia di un cocco e venite a fare un’orgetta con la musica dei Cumberland Three e del King Salami.

 

                                                                                  Franco “Lys” Dimauro

DEODATO – Night Cruiser / Happy Hour (Robinsongs)  

0

Con i dovuti distinguo, Eumir Deodato de Almeida è stato il Keith Emerson brasiliano.

Seppur “navigando” su mari completamente diversi, Deodato è riuscito al pari del “collega” inglese nell’impresa di “scavalcare” file e file di chitarristi e rubare loro il proscenio della musica giovane. Se era stato il passaggio dalla bossanova dei primi dischi ai rifacimenti di standard della musica classica a regalargli un successo colossale e travolgente la mossa consecutiva, ovvero quella di convertirsi alla disco-music e al funky (un po’ come faranno all’epoca anche Herbie Hancock o il Davis di On the Corner) gli darà gloria più come produttore (i fenomenali dischi di Kool & The Gang) che come autore e strumentista, sicchè i suoi album del periodo finiranno per confondersi con le vagonate di produzioni funky-disco dell’epoca. Cosa che in effetti erano. Privi di quel guizzo geniale che avrebbe potuto fare la differenza sia Night Cruiser che, ancora di più, Happy Hour  sono lavori di disco-music domestica. Ben costruita, ben arredata, buona-anzi-buonissima per le rotazioni serali e notturne delle radio, un po’ impacciata sulla pista ma dal gusto  stilosissimo, tanto da essere più volte campionata un ventennio dopo dai nuovi eroi dell’hip-hop, dell’elettro-funk e del nu-soul (da Mark E ai Breakbot, da Notorius B.I.G. ad Angie Stone).    

 

                                                                                  Franco “Lys” Dimauro

deodato

COUNT BISHOPS – Speedball plus 11 (Chiswick)  

0

Il famoso SW1.

Ovvero il Penny Black della musica indipendente britannica.

La nascita dei Count Bishops e della Chiswick è contestuale ed è databile nell’estate del 1975 quando, dalle ceneri dei Chrome londinesi e dopo aver reclutato un paio di nuovi musicisti attraverso un annuncio sul Melody Maker, Mike Spenser e Zenon Hierowski danno fuoco alle polveri pub-rock della vecchia band dentro i serbatoi dei Count Bishops. A portarli in studio per registrare una dozzina di cover è Roger Armstrong, che decide di pubblicare i pezzi che possono starci dentro un sette pollici tenendo da parte gli altri e mette in piedi a tal proposito un’etichetta da cui da lì ad un paio d’anni si troveranno a transitare band come Damned e Motörhead. Speedball esce il 28 Novembre di quell’anno, “distribuito” e venduto nel cofano della Peugeot del socio di Armstrong, fino ad esaurimento delle mille copie. Dentro ci sono quattro cover rock ‘n roll asciutte come non si sentiva dai tempi dei Downliners Sect di cui i Bishops si legittimano da subito come gli eredi perfetti.

Gli “scarti” di quelle sedute vengono ora finalmente pubblicati in coda a quel fantastico singolo e a due documenti dell’unica registrazione in studio dei Chrome fra cui una cover di quella I Want Candy che qualche anno dopo, con Mike Spenser ormai sceso dall’auto per dare vita ai Cannibals, porterà al gruppo inglese una discreta visibilità in madre patria. Il resto del mondo continuerà invece ad ignorare una delle meraviglie del pre-punk inglese, una di quelle che con arroganza e spregiudicatezza teppista si permetterà di sfrondare i rami dell’intricata foresta prog per riportare l’orto botanico inglese all’incontaminata essenzialità dei primi anni Sessanta.

 

                                                                                  Franco “Lys” Dimauro

 

ANANDA MIDA – Anodnatius (Go Down)  

0

Non so esattamente da dove vengano.

So che sono italiani. Ma che potrebbero pure non esserlo.

Ma quello che so con certezza è che hanno fatto un disco strepitoso.

Suonato e registrato come Dio ordina. E pieno di grandi canzoni, gonfie di umori 70’s come una sanguisuga che è stata a ciucciare per settimane sul corpo di qualche grande band di quella stagione. Che possono essere i Free, i Ten Years After o i Lynyrd Skynyrd o cento altre. E che si accosta senza sfigurare per nulla ai dischi delle tante band che a quel sound forgiato essenzialmente sulle chitarre si sono ispirati, dagli Atomic Bitchwax ai Dead Meadow ai Masters of Reality, agli Spidergawd.

Tutto suona incredibilmente tridimensionale dentro questo esordio degli Ananda Mida. Gli intrecci tra chitarre e sezione ritmica sono tentacoli che vengono a torcerti il collo fin sul divano o ovunque cazzo ti trovi mentre passa sullo stereo Anodnatius, che suona come una tempesta stoner appena placata, con l’azzurro che comincia a fare capolino tra i fumi e la gallina tornata in su la via che ripete il suo verso.

E gli uccelli fan festa. Pure i nostri.  

                                                                                  Franco “Lys” Dimauro

 

RUDI PROTRUDI – The Fuzztone (FanPro)  

0

L’ultima volta che lo intervistai, due anni fa, Rudi Protrudi mi confessò di essere in dirittura di arrivo per la pubblicazione della sua biografia. Un lavoro che, tra un tour, una vacanza e qualche rara sortita in studio lo ha tenuto impegnato per ben quindici anni, avendoci messo mano per la prima volta nel lontano 2002. Ovvero, più o meno, da quando la storia dei Fuzztones si è lentamente trasformata in una eterna, perpetua celebrazione del proprio passato con decine di ristampe, raccolte, cofanetti, pubblicazioni di memorabilia, rarità, concerti, dischi tributo e di cui questa biografia spalmata su due volumi formato 20×30 rappresenta per adesso l’ultimo tassello.

Un’operazione mastodontica.

Ma del resto Protrudi ha attraversato indenne cinquanta anni di sesso e rock ‘n roll, ha scopato e suonato con così tanta gente che io non riuscirei neppure a tenerne il conto col pallottoliere e invece lui ricorda date, orari, situazioni con una precisione sorprendente. Invidiabile dunque non solo per averle fatte, le orge con le Pandoras o i concerti con Esquirita, con i Dead Boys, con i Pretty Things, con Lydia Lunch e cento altri ma anche per averne ancora un ricordo così vivido, nonostante in un paio di passi del libro Rudi si dichiari poco contento del livello di fosforo del suo cervello. Dunque dentro The Fuzztone potrete saziare ogni curiosità riguardante la più longeva e conosciuta garage-band del mondo e il loro incontrastato leader, anche la più pruriginosa. Dalla prima masturbazione alla strumentazione usata per quel capolavoro che rimane Lysergic Emanations passando per il difficile rapporto col padre, i viaggi “formativi” a New Orleans, gli intrighi sessuali e sentimentali di ogni componente della band, gli sputi, le legnate, gli scazzi, le umiliazioni, i trionfi, le carognate, i raggiri, il mai risolto odio di Tim Warren nei loro confronti e la loro irriverente antipatia verso i Cramps, i cameo televisivi, gli incontri fortuiti o programmati con i loro eroi, la passione per i “mostri” degli anni Cinquanta, le richieste di reunion sovvenzionate dalla mafia siciliana, i tour cancellati dagli attacchi di diarrea, le esperienze di magia bianca, l’omosessualità usata come trucco per evitare la “chiamata” dello Zio Sam, il sentimento di inadeguatezza che invade i Fuzztones nel dopo-Lysergic Emanations. Di tutto e di più, insomma. Tirando nel mucchio genitori, parenti, compagni di scuola, groupies, autisti, discografici, promoter, ballerine di burlesque, negozianti di dischi, trafficanti di bootleg, spacciatori, roadies, nazi-skin, conduttori televisivi, rivali e compari, maestri, emuli, animali domestici, fan devoti e voltagabbana. Tutti. Con la spietatezza e il cinismo che ben si sposano al Rudi Protrudi così come credevamo di conoscerlo. E che dunque, conoscevamo, pur senza avere contezza di ogni dettaglio della sua vita, qui sviscerato con particolare, esagerata insistenza sui risvolti sessuali di ogni faccenda, toccando l’argomento mediamente in un paragrafo su due ed esibendo tutto l’orgoglio di ribattezzare la band come la Paisley Pussy Posse. Che insomma…ci si sente quasi in colpa ad aver eletto i Fuzztones a gruppo della propria vita pensando che l’unica cosa interessasse loro fosse scoparti la ragazza. Ma questo erano, sono, i Fuzztones.

Recuperando memorie personali, interventi e ricordi di amici, colleghi, rivali, giornalisti, locandine, copertine di riviste, flyer, foto e quant’altro, Rudi Protrudi rivela dunque al mondo ogni retroscena della sua vita votata al Culto del Fuzz con l’approccio ormai a tutti noto di un ego smisurato che rivendica la paternità, anche lessicale, su un sacco di cose, in un crescendo di esaltazione personale che culmina nell’epilogo conclusivo dove viene stilata la lista delle band che hanno aperto “per” loro. Finendo per fare di questa biografia un’agiografia.

Al di là del suo taglio però The Fuzztone era un’opera necessaria, per onorare la band che più di qualunque altra, lo si voglia prendere per un complimento oppure no poco importa, ha contribuito a diffondere la febbre del garage-punk anche in territori dove forse non avrebbe mai dilagato ed è riuscita a coagulare attorno a sé un’enorme massa di appassionati provenienti anche da sottoculture profondamente diverse. Incrostando la tavolozza del rock ‘n roll da oltre trentacinque anni.    

E veniamo ai due CD allegati gratuitamente a corredo dei due volumi: nel primo caso si tratta di un’ottima riedizione del concerto all’Electric Banana di Pittsburgh del Febbraio dell’85 già pubblicato dalla Sin Records e dalla Cleopatra e che fareste bene a procurarvi in un modo o nell’altro, mentre nell’altro caso si tratta di una esecrabile raccolta di registrazioni di fortuna  alcune delle quali tranciate, altre del tutto inascoltabili, che vedono coinvolto Protrudi in veste di autore, musicista, guest-star, prim’attore o praticante.  Del tutto trascurabile, ma considerando che non viene chiesto un Euro in più, prendetelo come un compendio audio alle vicende narrate in queste quattrocento pagine.

Che è molto probabile rimarranno scritte in inglese, siccome la proposta di traduzione inviata a quelle che dovrebbero essere le più ricettive case editrici italiane, da Goodfellas a Vololibero, è rimasta priva di alcuna risposta dimostrando come l’amore per l’Italia citato diverse volte da Rudi lungo questa biografia in realtà non sia del tutto un amore ricambiato. 

 

                                                                                  Franco “Lys” Dimauro

book-one-cover_

 

book_two_cover_ml

THE FALLEN LEAVES – What We’ve All Been Waiting For (Parliament)  

0

Non ho mai fatto mistero dei miei preconcetti sui reduci. Portatori sani (spesso neppure tanto sani) di una idea del rock ormai tragicamente svincolata dal contesto culturale e biologico che ne hanno provocato la scintilla. Perpetuazione a volte presuntuosa e spesso moribonda di un concetto svuotato di ogni suo significato. E’ il motivo per cui non mi vedrete mai ad un concerto dei Deep Purple e neppure alla reunion degli Standells. Ma un preconcetto ha bisogno di essere poi smentito o confermato dai fatti, altrimenti diventa codice. E io, pur portandone il nome, non sono San Francesco d’Assisi. Chiedete in giro, ve ne daranno conferma.

Per cui, anche se amo tenere in dispensa piatti freschi, ogni tanto mi piace tirar fuori qualcosa dal reparto surgelati e sentire come sa.

Mi è capitato di recente con i Fallen Leaves, tra le cui fila di veterani ne sono passati tanti (da Paul Cook dei Sex Pistols a Ian O’Sullivan degli Aardwarks, da Paul Myers dei Subway Sect a Brett Ascot detto Buddy che fu batterista dei Chords, fino a Sir Robert Symmons, la chitarra petulante nascosta dietro la voce di Vic Godard nei Subway Sect e che continua a tenere salde le redini del gruppo) e che sono già arrivati al quarto album della loro “seconda giovinezza”, riuscendo a scacciare il fantasma della vecchiaia e in parte, a costruire quell’eccezione alla mia regola di cui accennavo all’inizio. Perché il loro garage-rock suona meno imbalsamato di quello di tanti giovanotti, riportando alla mente le informali canzoni di formazioni dissidenti come Monochrome Set, Television Personalities, Times, June Brides, stese però sotto il ferro anti-progressista di band anarchiche come Troggs, Johnny Kidd and The Pirates, Downliners Sect, Dr. Feelgood e Mighty Caesars.

Niente accordature strampalate, accordi secchi e asciutti di un rigore quasi kinksiano, con tanto di assoli dozzinali e “provvisori”.

Di quelli che “poi lo perfeziono” e invece, non verranno mai perfezionati. Perché sono già perfetti così.

Come nel beat.

Come nel punk.  

Come nei Fallen Leaves.

                                                                                  Franco “Lys” Dimauro

16729005_10154975501360480_6909545264886002354_n

CAGE THE ELEPHANT – Cage the Elephant (RCA)  

0

Avete nostalgia degli Hives?

Un rigurgito malinconico dei White Stripes?

La cura arriva dal Kentucky. Sono cinque farmacisti che siedono dietro il banco della farmacia Cage the Elephant. Hanno messo dentro un blister con il nome della loro bottega di speziali dodici capsule che possono alleviare i vostri sintomi.

Il debutto di questi ragazzini è destinato dunque a suscitare facili entusiasmi in virtù di un suono esuberante e sempliciotto che, e loro mettono subito le mani avanti sul pezzo inaugurale giocando in anticipo sulle critiche che li accuseranno di “non avere stile”, sicuramente procurerà loro le stesse insinuazioni di “cavalcare l’onda” che hanno subissato di critiche il debutto dei Jet, qualche anno fa.

Non è chiaro se il nome scelto dalla band americana giochi volontariamente (ma mi piace pensare sia così) con lo stesso pachiderma che ha decretato il successo dei White Stripes, magari usandolo come simbolo scaramantico. Però l’influenza del duo di Detroit è innegabile aleggi su tutto il disco, seppur mitigata da un approccio più da slacker che non può non ricordare quello di Beck e dei dimenticati G. Love and The Special Sauce (Ain’t No Rest for the Wicked, Back Against the Wall, Cover Me Again).

Con i video giusti, che sono certo la RCA sovvenzionerà senza problemi, potrebbero diventare un gruppo destinato a raccordare i gusti di un pubblico numeroso. Altrimenti, potrebbero finire nel grande deposito delle comete che tornano di tanto in tanto a risolcare i cieli ma di cui nessuno, dopo il primo passaggio, ha più voglia di guardare la coda. Qualcuno ha detto Vines?

 

                                                                                  Franco “Lys” Dimauro

 

THE ACE-TONES – Teen Trash #6 (Music Maniac)  

0

Fra le tante band folgorate dal passaggio sui palchi europei del ciclone Fuzztones gli Ace-Tones meritano una menzione particolare. Non perché fossero i migliori. Ma perché nel giro di pochi anni un paio di loro si troveranno proprio dietro il culo di Rudi, in quella che sarà la quinta incarnazione dei suoi Jaymen, dopo aver rinunciato a mollare il loro cantante per diventare a tutti gli effetti la nuova line-up dei Fuzztones stessi nell’ennesimo disperato tentativo di Protrudi di riassestare dal nulla una formazione destinata a disintegrarsi dopo ogni tour.

Il primo a stampare una raccolta del loro repertorio (in molti casi identico a quelli del loro gruppo-simbolo) è proprio Hans Kesteloo, uno che alla magia dei Fuzztones aveva sempre ceduto e, tra i tanti che ne avevano stampato il materiale, l’unico a versare nelle loro tasche i soldi che spettavano loro, proprio in barba ai mercenari della Beggars Banquet in favore della quale era stato mollato e la quale dichiarerà una cifra di copie di In Heat che nemmeno una vendita porta a porta nel quartiere dei nonni di Protrudi avrebbe potuto portare ad un ammontare così ridicolo (praticamente pari alle sole copie vendute dal buon Hans nel suo piccolo negozio di Tübingen, NdLYS). Li infila nella sua collana Teen Trash, ovvero una sorta di Trans-World Punk Rave-Up contemporanea dentro cui finiscono anche due/tre nostri orgogli nazionali.  

Il risultato è un rigurgito del garage-punk di un decennio prima che nulla aggiunge (e anzi, qualcosa toglie) a quanto (ri)detto da Miracle Workers, Chesterfield Kings, Outta Place e ovviamente Fuzztones. Cover al carboncino di 99th Floor, Girl (You Captivate Me), Bad Woman, Green Slime, Action Woman, Blackout of Grately, 7 & 7 Is, Journey to Tyme, Gotta Get Some di cui forse nessuno sentiva davvero il bisogno e un unico originale di cui in pochi serberemo memoria.

Gli Ace-Tones non sfioreranno mai neppure per un secondo la gloria dei Fuzztones. Ma, a dispetto del tanto sbandierato senso di appartenenza di questi ultimi puntualmente smentito dalla realtà dei fatti, gli Ace-Tones resteranno, per sempre, una vera gang. Rifiutando persino di ammainare la loro bandiera per appendere al palo mastro quella dell’egocentrico capitan Rudi.

Onore al vascello pirata.     

           

                                                                                  Franco “Lys” Dimauro