SIXTEEN HORSEPOWER – Yours, Truly. (Glitterhouse)

Un doppio libro nero sul folk americano, questa doppia antologia sui Sixteen Horsepower.

Venticinque modi di stringere un nodo scorsoio al collo della musica tradizionale americana, dodici suggeriti dai fans di vecchia data (People‘s choice) e tredici da mr. David Eugene Edwards in persona.

Un manuale delle Giovani Marmotte scritto col sangue.

Il primo disco ovviamente non riserva sorprese per quanti hanno frequentato il mondo della band americana: tre estratti da Sackcloth‘s Ashes, cinque da Secret South, uno da Folklore, due da Low Estate e uno dall’omonimo EP d’ esordio che ascoltati così in sequenza palesano una coesione musicale e climatica sbalorditiva.

Una scatola di cioccolatini che una volta scartati rivelano il loro spregevole e disgustoso ripieno di vermi.

Non c’era ombra di sorriso, nemmeno uno, nella musica del terzetto americano.

Per questo suonavano le canzoni dei Joy Division e dei Gun Club, perché sono le uniche che puoi permetterti di cantare quando suoni con le lacrime agli occhi.

I cioccolatini del secondo disco sono ancora più avariati del primo.

Come la triste ghironda di Worry che non è difficile immaginare come una Black Angel‘s Death Song dei Velvet cantata da una tribù navajo oppure la versione di The Partisan dolorosa come un Nick Cave curvato sul pianoforte, la Bad Moon Rising davvero cattiva tratta dal retro di For Heaven‘s Sake, la luce vacillante di American Wheeze, la rendition paurosamente vicina alla sua statura originaria della Fire Spirit di Jeffrey Lee Pierce o quella simile ad una versione rinsecchita dei Depeche Mode dei primi anni Novanta sulla De-Railed di Rainer.

Per chi ama annegare nelle voragini emotive di Black Heart Procession o Mark Lanegan, un irresistibile, inevitabile, piacevole tormento.

 

 

                                                                                  Franco “Lys” Dimauro

yours_truly_2lp-14998048-frntl

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...