THE GUN CLUB – Fire of Love (Ruby)

Jeffrey Lee Pierce, ideatore, compositore e cantante della seminale band di swamp-blues e post-punk Gun Club è morto all’ età di 37 anni.

Pierce è morto Domenica a Salt Lake City di emorragia cerebrale. Il suo amico e collega musicista Keith Morris lo ha dichiarato lo scorso Lunedì.

Popolare in Europa così come nell’area di Los Angeles, Pierce aveva ricostituito il suo gruppo diverse volte, ha vissuto in Europa per un decennio e lì ha registrato il suo ultimo disco, In Exile, nel 1992.

L’annuncio scritto da Myrna Oliver sul Los Angeles Times del 2 Aprile 1996 è scarno e impreciso (In Exile è in realtà una raccolta, tra l’altro assemblata da un’ etichetta californiana. Gli ultimi dischi di Jeffrey sarebbero stati Lucky Jim e Ramblin’ Jeffrey Lee, NdLYS).

Nella città degli angeli, ogni tanto ne cade giù qualcuno.

Non c’è da meravigliarsi.

Soprattutto se ha l’epatite, se è malato di cuore, gonfio di alcol ed eroina e è sieropositivo. Non merita più di otto righe. E tante gliene toccano.

Diciassette anni prima aveva spiccato il volo proprio da qui, Jeffrey.

Già avvolto dalle fiamme. A picco sull’oceano.

Fuoco e acqua. Le sue ossessioni.

Fire of Love esce sull’etichetta dell’amico Chris D. (che produce metà del disco lasciando a Tito Larriva l’onere di produrre l’altra metà) quando la band ha già cominciato ad oliare sul palco la sua miscela di punk e Delta-blues.

Suonano spesso assieme ai Cramps.

Così spesso che Lux si innamora del tocco primitivo di Kid Powers e Jeff della culotte maculata di Poison Ivy. Così il primo si porta “Congo” a New York prima ancora che possa entrare in studio con il club di Lee Pierce. Jeffrey scrive una canzone per Miss Edera Velenosa: For the Love of Ivy.

Sembri un Elvis tornato dall’inferno, le dice. Mentre sotto di lui il blues cede il passo al rumore come se lo zenzero swamp dei Creedence Clearwater Revival venisse piantato sotto la palude limacciosa delle primordiali risaie garage.

Il veloce treno del punk sfreccia sopra Sex Beat, Ghost On the Highway e She‘s Like Heroin to Me.

Quello più lento e doloroso del blues su Promise Me e la Cool Drink of Waters di Tommy Johnson stirata fino a sei minuti.

Binari che spesso si intersecano e su cui passano treni neri e spiriti infuocati.

Ogni canzone, un flacone di veleno, proprio come raffigurato sul retro copertina.

Come per Gravest Hits dei Cramps, un rituale voodoo celebrato tra le cantine di una metropoli americana. Gli spiriti di Robert Johnson e Slim Harpo zoppicano tutt’intorno, pregando il blues

 

                                                                                              Franco “Lys” Dimauro 

images

 
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...