SERGIO GILLES LACAVALLA – Rockriminal (Coniglio Editore)

Benvenuti a Babilonia.

Benvenuti nella zona perversa e maledetta della storia del rock.

Quella spesso circoscritta con il nastro segnaletico della scena del crimine.

Quella spesso taciuta in favore di banali liste di copie vendute, discografie ragionate, fotografie inedite.

Qui dentro, invece, c’è il conto da pagare per quel successo.

E spesso a presentarlo è il triste mietitore.   

Rockriminal è il lato cattivo della musica.

Ovunque sia passato il diavolo, Sergio Lacavalla ha seguito le sue impronte e percorso tantissima strada: 512 pagine scritte così piccole e fitte da rappresentare un grande abbecedario del crimine e del delirio nascosto sotto le fronde della musica contemporanea.  

I nomi ovvi, naturalmente: da Presley a Marilyn Manson passando per Doors, Beatles, Sex Pistols, G. G. Allin, Stooges, Black Sabbath, Syd Barrett e Nirvana

Ma anche molti nomi meno ovvi. Storie meno plateali ma ugualmente malsane.

Adam and The Ants, Negresses Vertes, 7 Year Bitch, 50 Cent, Agnostic Front, Atari Teenage Riot, Dead Kennedys, Breeders, Prodigy e tante, tantissime altre. Addirittura troppe.

Intrise di sangue, pazzia, droga, eccessi e barbarie.

A metà strada tra RockNRoll Babylon di Gary Herman e il Dee Giallo di Carlo Lucarelli, Lacavalla trae spunto dalle più infime vicende della musica moderna per mettere su un avvincente carosello dove odio e perversione, solitudine e vizio, depravazione e feticismo, immoralità e bile nera, sesso estremo e satanismo, Mandrax ed eroina si intrecciano come infiniti rami di una corona di spine.

Avvenimenti narrati senza alcun filtro, senza mediazione, col linguaggio crudo che gli si addice appena velato da una patina di freddo e cinico sarcasmo e disincanto. 

Non ci sono persone realmente felici qua dentro.

Tutte sono vittime o carnefici. Nessuno la fa franca.

Tutti colpevoli, in un modo o nell’altro.  

Un letamaio dove il rock è spogliato da ogni romanticismo per diventare un tunnel di devastante orrore, una discografia “maledetta” (ma pure una discografia porno, tanto per sguazzare nel torbido) che può “guidarvi” per questi gironi infernali tra mignotte, tossici e uomini impiccati.

 

                                                                                              Franco “Lys” Dimauro

Rockriminal

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...