THE TWILIGHT SINGERS – Dynamite Steps (Sub Pop)

Il nero è il colore del male.

Ma è anche tante altre cose.

È il colore di Greg Dulli, e non da ora.

E anche se è un luogo comune, è un luogo che lui frequenta da anni.

Gli sarebbe bastato aprire un po’ la porta e lasciare che la sua anima in pena vedesse la luce del sole per trasformare quella sua viscerale e tormentata anima blu in un’affascinante (e prolifica) macchina di successo.

Altri lo hanno fatto, senza far altro che giocare a rimpiattino con l’enfasi soul che è propria delle sue canzoni (toglietevi i prosciutti dagli occhi e vedete quanto Kings of Leon c’è dentro un pezzo come Gunshots, NdLYS).

Dynamite Steps non fa eccezione nella discografia straordinariamente coerente di Dulli e dei Twilight Singers. Canzoni che distillano dall’anima di Greg e che colano sull’ asfalto come gocce di benzina da un recipiente forato, a volte intorpidite e accidiose (Be Invited, Get Lucky, She Was Stolen), altre volte orfane rabbiose del vecchio ruggito grunge degli Afghan Whigs (Waves, On the Corner).

Affollata come Villa Certosa la lista degli ospiti che l’etichetta potrà sventolare per provare a vendere qualche copia in più di un disco che tuttavia rimane, in tutto e per tutto, un disco figlio del suo autore.

Ostinato, schietto e caparbio quanto il padre che lo ha generato.

 

 

 

                                                                                  Franco “Lys” Dimauro

Dynamite_Steps

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...