COUNTING CROWS – August and Everything After (Geffen)

Puoi cantarlo parola per parola, come un disco degli Smiths. O immaginarti piccolo e minuscolo come un granello di polvere sbattuto dal vento sulla tela della grande bandiera americana. È Agosto. E tutto quello che viene dopo, che in genere è l’autunno. È il dolore vulnerabile e la malinconia inquieta della post-adolescenza. È la domenica mattina della vita, quella in cui ti svegli con un leggero mal di testa e lasci ammonticchiarsi le cose che ti eri promesso di fare. Quel breve attimo infinito che separa la emme dalla enne sulla tastiera E.161 del tuo telefono. Quell’uggia carica di buoni propositi, di chiazze grigie e bianche che si muovono dentro la tua testa come nuvole gravide nel cielo di Novembre.

Questo è August and Everything After. Retoricamente abbarbicato alla più tradizionale musica radiofonica americana eppure così pregno di parole e di carezze alle cui lusinghe è impossibile sottrarsi. Perché ognuno ha le sue ferite da leccare o nascondere. Un piccolo tormento al cui dolore non si può fuggire, neppure su quel treno carico di fuliggine e di conversazioni inutili che passa sopra Raining in Baltimore. Un tallone scoperto che abbiamo dimenticato di immergere nello sciroppo di superbia ed orgoglio, un muscolo che abbiamo lasciato svestito mentre indossavamo il nostro cappotto ordinario. Quello per andare a lavoro. Quello per prendere i bambini a scuola. Quello per accompagnare la mamma dal medico. Quello da appendere dietro la porta di casa, per vestirsi di un dolore nuovo, meno elegante. Un dolore da salotto.   

E poi? Cos’altro vi serve sapere? Che è stato prodotto da T-Bone Burnett? Che sono in cinque? Che dentro ci trovate le chitarre e pure la fisarmonica? Che potrebbero essere i Los Lobos che provano il repertorio dei Pearl Jam? O che potrebbero essere i R.E.M. alle prese con la musica della Band? Che tutti penseranno che Mr. Jones è dedicata a Dylan quando invece è dedicata a un altro Signor Nessuno della provincia americana (Marty Jones)?

È questo quello che vi serve?

Cominciate a contare i vostri corvi, piuttosto.  

Uno per il dolore, due per la gioia, tre per le ragazze e quattro per i ragazzi,

cinque per l’argento, sei per l’oro, sette per un segreto da non raccontare mai.

Certe volte il piacere cade giù come la pioggia. Altre volte è il dolore.

August and Everything After sta proprio lì in mezzo.

 

                                                                                                Franco “Lys” Dimauro 

Counting-Crows-grunge-32642035-301-300

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...