VERDENA – WOW (Universal)

Gli album doppi si recensiscono in larga parte da soli, almeno per metà.

Come per l’annuale raduno dei gemelli ogni rock album nato con tale patrimonio genetico, per omozigota o eterozigota che sia, chiama all’adunata la solita lista di illustri predecessori che per essersi macchiati di analogo peccato di superbia ed ambizione meritano di essere aggiunti come appendice contemporanea all’Antropologia pragmatica di Kant.

Nel caso specifico il doppio bianco dei Beatles, Timothy‘s Monster dei Motorpsycho, Mellon Collie degli Smashing Pumpkins, Daydream Nation dei Sonic Youth, Superunknown dei Soundgarden, Leaves Turn Inside You degli Unwound, Physical Graffiti degli Zeppelin, Odessa dei Bee Gees, Ummagumma dei Pink Floyd, Tago Mago dei Can e via discorrendo.

Mattoni in parte scalfiti dai Verdena per ricavare la malta con cui tirare su queste pareti e usando come impasto collante molta tradizione italiana buia degli anni ‘70, quella del Battisti più empirico, del Battiato sperimentale, della Premiata Forneria Marconi, de Le Orme. Tutta roba che i fratelli Ferrari, per ragioni anagrafiche, non hanno frequentato in tempo reale ma che tuttavia sembra essersi trasformata nel barattolo di marmellata preferito dalla band bergamasca, lasciando ai vecchi torbidi frastuoni grunge solo lo spazio per qualche ruggito sabbathiano (Attonito, Lui gareggia, Sul ciglio) che pare colato fuori dalle pattumiere delle sessions di Requiem.  

Tutto il resto di WOW è invece, in effetti, un disco concettualmente molto vicino allo spirito anarchico degli anni Settanta. Nostri e non, siccome gli ectoplasmi di Van Der Graaf Generator, King Crimson, Who o Quatermass si affacciano dalle finestre di questo edificio infestato dai fantasmi al pari di quelli dei nomi nazionali citati qualche riga sopra.

Elaborato, prolisso e verboso, totalmente fuori dal concetto della fruibilità immediata con cui il formato digitale sta invece educando le nuove generazioni di ascoltatori che, presumo, lo troveranno in larga parte indigeribile, con i suoi pianoforti molli (Castelli in aria), i suoi angoli sinfonici (Tu e me), il suo minimalismo osceno (12,5 mg), le sue tastiere orfane di Pagliuca e Hammill (Le scarpe volanti), i suoi test  polifonici (A cappello), i suoi cantucci pastorali (la Razzi arpia inferno e fiamme scelta per anticipare, a ragione, il contenuto complesso dell’album, NdLYS), i suoi ronzii elettronici (La volta) che abbozzano idee pop talmente fuori dalle orbite radiofoniche da risultare commercialmente temerarie, visto come gira il mercato del disco in Italia e confrontate con la triste parata di canzonette che riempiono le classifiche e i palinsesti che lavorano per plasmare il gusto dei decerebrati che se ne lasciano passivamente conquistare.

La lunga attesa è stata dunque premiata chiedendo in cambio un’ora e mezza del nostro tempo, senza nessuna concessione all’ascolto-biberon.

Un’ora e mezza che non basterà a farveli piacere, questi due gemelli scorbutici che appena riusciranno a balbettare le prime sillabe vi chiederanno di rivedere la vostra opinione sulla musica di quel decennio terribile.

Ora che credevate di avere tutte le risposte, vi toccherà nuovamente farvi delle domande. WOW!

 

                                                                                              Franco “Lys” Dimauro 

PSM1296634988PS4d49146c2ef46

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...