PURPLE HEARTS – Mod Singles Collection (Captain Mod)

0

Dei Purple Hearts vi parlai una o due vite fa, in occasione dell’altra raccolta curata dalla Captain Mod. Torno a farlo oggi sull’entusiasmo di questa nuova antologia che ha uno di quei titoli che rende ancora più inutile il mio già inutile lavoro.

La recensione sta tutta lì: la raccolta di singoli di una delle migliori bands del revival-mod dell’epoca punk.

Loro sono ancora lì, in spregio dei dietologi, a muovere le panze sui palchi dei vari raduni mod d’Oltremanica e noi stiamo qui a menarcela con gruppi come gli Smodati che ne celebrano il mito su canzoncine che sembrano la sigla di Holly e Benji. In coda a questa grandiosa sequenza di singoli la label inglese caccia tre estratti dalla storica The Beat Generation & the Angry Young Men, la compilation della Re-Elect the President che li vedeva a fianco di Merton Parkas e Long Tall Shorty. Cosa posso dirvi di più? Chi li conosce lo comprerà anche senza che io arrivi in soccorso, gli altri lo eviteranno comunque, per scialacquare altrove i loro denari.

                                                                                  Franco “Lys” Dimauro

51IrqF1p2+L

Annunci

ORANGE 9mm – Driver* (Not Included) (East/West)

0

Dopo la rivoluzione di costume di Nevermind le multinazionali del disco si abituarono all’idea di adottare le bestie che prima avevano lasciato crescere nei liquami dei porcili indipendenti.

Se li mettono in casa. Gli tengono le lettiere pulite e ogni tanto, quando cagano fuori dal pattume, sono costretti a pulire anche la merda.

Credono che, comunque sia, profumi di soldi.

Non sanno che i soldi profumano sempre di merda. Ma il contrario non sempre.

Infatti si troveranno in breve a spalare sterco.

Ma pure a contare qualche milioncino di dollari.

Non so ora quanti gliene abbiano fatti guadagnare con precisione gli Orange 9mm ma considerando che li tengono in casa solo due anni i conti non devono essere quadrati granchè.

Suppongo quindi producessero più roba marrone che carta verde.

E anche tanto rumore. Sono gli anni in cui l’hardcore esce dai vicoli dei quartieri bianchi americani e si scontra con la cultura hip-hop dei sobborghi neri.

È come assistere a uno di quei film truzzi degli anni Ottanta dove gang di guerrieri metropolitani si scontrano con altre gang di disadattati per il controllo del territorio.

Solo che ora lo scontro si è spostato dalle strade umide del Bronx su quelle artistiche. Ma c’è ancora qualcosa di molto fisico in questa “culture-clash” e gli Orange 9mm ne rendono bene la forza.

Come nel caso dei Rage Against the Machine che in quegli anni mettono a fuoco non solo il bonzo della copertina del loro primo album ma un’intera batteria da guerriglia urbana, gli Orange 9mm lavorano imprigionando le parossistiche sciabordate hardcore dentro impalcature ritmiche metalliche e pestandone le carni con l’uso implacabile, inflessibile della parola, secondo lo stile maschio di Henry Rollins.

Driver* ha questo ronzio metropolitano di ferraglia che esce fuori prepotente su canzoni dai titoli lapidari e dai suoni devastanti come Glistening, Highspeed Charter, Disclaimer, Pissed, Toilet e anche i momenti di apparente calma (Suspect, Magnet, Sacrifice) sono come inghiottiti dalle carni di ferro che ne definiscono i bordi. E’ come tuffarsi nelle acque inquinate del porto, in una sottile striscia di mare nero chiusa da  due lunghe, interminabili carene a V profonda cariche di ruggine.

Una clava postmoderna che incombe sulle vostre teste.

Ah! E in quanto al casco, non fidatevi. Sul retro è bucato.

Da un proiettile.

 

           

                                                                                  Franco “Lys” Dimauro  

images