EDOARDO BENNATO – I buoni e i cattivi (Dischi Ricordi)

L’ho rivisto qualche sera fa in tivù. Era sul palco dell’Ariston coi capelli tinti e gli occhiali da sole inforcati.

Li porta sugli occhi da anni ormai, ad ogni ora del giorno e della notte e in ogni stagione. Io credo gli si siano incollati al naso.

Ma io non mi fido di chi si nasconde gli occhi.

Nemmeno quando ha dei messaggi importanti da dare. Anzi, soprattutto allora.

Mi spingono a confondere la saggezza con la retorica, quasi che quegli occhiali li indossassi io.

Eppure Bennato di cose ne ha dette.

Di forti, acute e sagaci. Bagnate nell’arte della metafora e dell’ironia sottile ma pungente. Una satira sorda.

Io ho amato Bennato quando le uniche tette a cui pensavo erano quelle di mia madre.

Dico, prima dei Clash e prima degli Stooges. Prima degli Unclaimed e dei Cramps.

Prima dei Cure e degli Smiths. Prima dei CCCP e dei Count Five.

Prima di qualunque altra cosa animata con uno strumento in mano io ho amato Bennato.

Perché mi raccontava la vita con l’unico linguaggio che io potevo capire: quello delle fiabe. Raccontava di degrado e di corruzione, della devastazione del territorio e del saccheggio culturale che affligge Napoli.

E parlava di tutti.

Del Papa e del Presidente della Repubblica, della scuola e delle lobbies dei  costruttori, di suo fratello Eugenio, del suo produttore, del maestro De Simone e del suo amico Raffaele Cascone.  

È quello menzionato su Venderò (sull’album La torre di Babele del 1976, NdLYS) e che qui è ritratto in copertina assieme a lui.

Di spalle e con le manette ai polsi.

Vestiti entrambi da carabinieri: i buoni? O i cattivi?

È da qui che comincia ad insinuarsi il dubbio su cui è costruito tutto questo secondo lavoro del folksinger napoletano.

I buoni e i cattivi camminano fianco a fianco e sono vestiti uguali. Impossibile distinguerli. Spesso, quasi sempre, sono vestiti bene.

Sorridono sempre e ti stringono la mano.

E quando te lo mettono in culo si fanno il segno della croce.

La musica è quella povera dei suoi primi anni. Fatta con poche cose, quasi tutte suonate da lui. Ma può ancora contare sui suoi vecchi amici: suo fratello Eugenio che, malgrado non condivida la sua scelta di abbandonare la strada della tradizione popolare, continua a stargli accanto, Bruno Limone che lo accompagna, quando serve, al basso, Andrea Sacchi, Tony Esposito.

E soprattutto il maestro Roberto De Simone che qui arrangia l’orchestra per In fila per tre (ma nel disco viene inserita nuovamente la versione orchestrale di Un giorno credi che compariva già sul disco di debutto, interamente arrangiato dal Maestro, NdLYS).

I buoni e i cattivi ha un suono “da strada”, un po’ come tutta la produzione del Bennato pre-Canzonette. Ed è un disco di denuncia.

Che parla di cose nostre, vicine, tangibili, familiari.

A noi che conoscevamo a memoria la costituzione americana e il ritratto di Abramo Lincoln, che protestavamo per un albero abbattuto in Canada mentre ci facevamo riempire le nostre città da mostri di cemento. A noi che credevamo Dylan potesse salvare il mondo e che siamo tornati anni dopo a patteggiare per i laburisti perché la chitarra ammazza-fascisti di Billy Bragg ci chiedeva di farlo, schierandoci per partito preso senza sapere spesso di cosa stessimo parlando.

Edoardo Bennato era lì per noi.

Aveva trovato le cattedre universitarie occupate da Guccini, i circoli libertari presidiati da De André, le sedi della FGCI piantonate da Claudio Lolli.

Aveva preso la sua roba e si era messo in strada.

Dalla parte del torto, ma in mezzo a noi.

 

                                                                                              Franco “Lys” Dimauro

edoardo-bennato-i-buoni-e-i-cattivi.jpeg

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...