THE FUZZTONES – Preaching to the Perverted (Stag-O-Lee)

Non vi affannate a trovare la refurtiva, che qualche indizio ve lo do io:

Maid of Sugar, Maid of Spice di Mouse & The Traps dentro This Game Called Girl, Dirt degli Stooges dentro Old, Black Lightning Light degli Shy Guys dentro Invisible, She Comes In Colour dei Love dentro Bound to Please, i Doors accucciati dentro Don‘t Speak Ill of the Dead e i Music Machine dentro Between the Lines e Launching Sanity‘s Dice (non a caso i pezzi scritti da Lana Loveland, da dieci anni organista dentro la Boniwell Music Machine, NdLYS).

Non ci si scandalizzi e non ci si stupisca: i Fuzztones sono un gruppo che ricicla il passato, anche il proprio (Braindrops riecheggia un po’ ovunque in questi nuovi dodici pezzi) da anni. Jerry Lee Lewis lo fa dal doppio di anni e nessuno gli ha mai chiesto di cambiare, dunque perché accanirsi sulla band di Rudi? Preaching to the Perverted, al di là dei flashbacks e delle citazioni di cui vi dicevo, abiura per un attimo la fede nella cover version e si compone di materiale autoctono, seppure imbevuto nella benzina con cui il vecchio Rudi fa i gargarismi da sei decenni.

Il suono non è più quello esplosivo degli esordi, come è pure ovvio che sia, ma rimane permeato da quella patina sinistra che lo ha reso sempre criptico e affascinante (My Black Cloud, Invisible, Lust Pavillon e la mia preferita Flirt Hurt & Desert) indugiando nell’immaginario da cartoon horror tanto caro alla band e ai suoi fedeli. Preaching to the Perverted non ci regala pezzi memorabili, è vero.

Però rimane fedele alla linea estetica dei Fuzztones, alla loro psichedelia ammantata di un velo purpureo e al loro garage rock che si rifiuta di crescere.

Rudi mi disse un giorno: “continuo a fare rock ‘n roll perché è l’unica cosa che so fare”. E io continuo a credergli. Voi fate come vi pare.

 

 

                                                                                              Franco “Lys” Dimauro 


Fuzztones_PreachingToThePerverted

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...