THE JESUS AND MARY CHAIN – Psychocandy (Blanco Y Negro)

C’erano stati i Velvet Underground, ma io non c’ero ancora.

E poi erano venuti i Sex Pistols. Li avevo visti in tivù e mi avevano sconcertato.

Ma avevo sette anni e nessuna voglia di sommossa.

Poi era arrivato Psychocandy, a sfasciare i miei quindici anni.

Era la “mia” rivoluzione. Ed era la più rumorosa di tutte.

I Jesus and Mary Chain erano un gruppo morboso, allora.

Strafottente fino a farti incazzare.

Incapaci più dei Germs.

Scuri anche quando accendevano tutte quelle cazzo di luci bianco elettrico.

Erano Da Vinci messo davanti a un blocco di marmo di innocua musichetta pop per ragazzini insolenti. Loro tiravano il filo d’avviamento dei loro smerigliatori  e alzavano polvere elettrica. Ed era la cosa più fica un’indie band potesse fare allora.

Ascoltavi In a Hole, Never Understand, Inside Me, It’s Hard e ti credevi il custode del destino della musica pop. Era come sfondare a calci la porta dei vicini ed entrare con il mitra spianato. Un’Arancia Meccanica portatile.

Poi cresci e non ti fa più paura.

Un po’ perché il mondo è diventato veramente più rumoroso, adeguandosi a quel fischio da Cassandra Crossing.

Un po’ perché ti abitui anche alle crudeltà, e hai bisogno di nuove atrocità che ti tengano sveglio la notte.

Però Psychocandy aveva questa perversione tutta adolescenziale che mischia dolcezza e voglia di far male. È come la prima volta che fai l’amore. Non riesci a calibrare bene tenerezza e violenza e finisci per disattendere il bisogno di entrambe le cose. Poi impari. Ma ti mancherà per sempre il piacere della scoperta, del primo sospiro di piacere regalato alla troposfera in tuo onore.

Psychocandy invece celebra quel momento irripetibile. E lo celebra per chi riesce a viverlo. Non per chi lo va a cercare dopo averlo sprecato.

È un disco-parassita. Attaccato agli arbusti del rock degli anni Ottanta come una colonia di funghi pleurotus. Una muffa coriacea e rigogliosa.

 

 

                                                                                              Franco “Lys” Dimauro 

psychocandy

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...