ARNALDO ANTUNES, MARISA MONTE, CARLINHOS BROWN – Tribalistas (Phonomotor)

A leggerli così, di fila uno dietro l’altro, c’è quasi da mettersi paura: tre eminenze della musica brasiliana contemporanea chiamate a condividere le emozioni di un disco fra i più struggenti mai partoriti a Rio.

Raramente, in caso di collaborazioni così strette, ci si è trovati davanti alla semplice equazione algebrica secondo cui il risultato è sempre uguale alla somma degli addendi. Spesso, anzi, quello che ci è rimasto in bocca era un retrogusto amaro e tutt’altro che piacevole. Non in questo caso. Tribalistas è evidentemente un disco partorito, oltre che da tre cervelli geniali, da tre spiriti affini, che condividono le stesse ambizioni (quelle di un rinnovamento della musica brasiliana) e la stessa sensibilità (quella verso una poetica corale di struggimento universale). È questa affinità di spirito, questa comunione di intenti unita alle doti dei musicisti coinvolti (da citare anche Dadi Carvalho, NdLYS) a fare di Tribalistas il disco DEFINITIVO della musica brasiliana di inizio secolo, vicino all’anima che vibrava nelle opere della quasi omonima Tropicalia sul calar degli anni sessanta (Gilberto Gil, Collettivo Tropicalia, Caetano Veloso, Os Mutantes, ecc.) e che traghettò la musica del Tropico americano verso l’età d’oro del pop. Per nulla sovrarrangiato, ma con un dosaggio timbrico che si fa invidiare per sobrietà e buon gusto, la musica di Tribalistas è un linguaggio universale di dolore e di rivincita sul dolore. Immergersi dentro le brume di Um a Um o Velha Infància, piuttosto che farsi inebriare dalla verve spumeggiante di Jà se namorar (finalmente un tormentone estivo da poter cantare senza arrossire) o Passe em casa è un dono che non ci si può lasciar sfuggire con la mediocrità tipica di chi ha paura di avvicinarsi al nuovo e di schiudersi alle emozioni. Non ce lo perdoneremmo mai.

 

                                                                                    Franco “Lys” Dimauro

tribalistas1

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...