THE MOVE – The Very Best of The Move (Salvo)

La burrascosa e provocatoria gestione di Tony Seconda aiutò e non poco l’esplosione dei Move, nell’Inghilterra combattuta tra perbenismo e folate di libertà dei mid-60s. Banchine dove banchieri in bombetta e bastone si urtavano con mini-skirts svolazzanti, dove l’amore per i Beatles stava soggiogando quello per la Regina, e le immagini dei Monarchi provocavano devozione ma anche sdegno. In questo mare increspato dalla burrasca e anche dopo l’ammutinamento contro il capitano Secunda, la dreadnought dei Move avrebbe dominato le onde delle charts inglesi dal Gennaio del ’67 al Febbraio del 1969, quando tutto il mondo, Italia compresa, si svegliò al mattino fischiettando Blackberry Way inabissandosi poi lentamente non senza sparare altre cannonate come quella Brontosaurus cantata come una Dead Man‘s Chest disperata da una ciurma ormai quasi allo sbando, alleata alla nave pirata Black Sabbath. Questo cd, che altro non è se non un sunto (più economico ma anche più povero da “guardare” e ascoltare, NdLYS) del box celebrativo curato sempre da Chas Chandler per la sua Salvo, celebra tutto questo. Una storia sospesa tra le consuetudini e gli eccessi di una band che si faceva fotografare guardando dritto dentro l’obiettivo.

 

                                                                                  Franco “Lys” Dimauro 

 

The-Move-The-Very-Best-Of-462743

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...