ANTOINE – Èlucubrations (RPM)

Prima di scoprire l’amore per la barca a vela, Antoine è già un apolide nello spirito e nelle scarpe.

A venti anni ha già attraversato Madagascar, Canada, Francia, Camerun, Inghilterra, Stati Uniti, Islanda, Danimarca, Svezia. Vagabondo per necessità e per indole.

Nel 1965, per finanziarsi gli studi di ingegneria, decide di offrire i suoi servigi ad Hugues Aufray per tradurre le ballate di Dylan che costituiranno la scaletta di Aufray Chante Dylan.

La collaborazione non sortisce nessun effetto se non quello di spingere Antoine a tentare la carta del folksinger faidate.

Fallito anche il tentativo di abbordare la Barclay Records, le prime canzoncine del menestrello naturalizzato parigino attirano l’attenzione di Christian Fechner, direttore artistico della Disques Vogue.

Nel Novembre del 1965 arriva dunque nei mercati un extended play di quattro brani con in copertina un giovinastro in blusa militare che brandisce una chitarra folk e soffia su un’armonica a bocca. Dentro ci sono quattro canzoni che propagandano la vita vagabonda e vituperano la guerra intitolate La Guerre, Ne T’en Fais Pas, Autoroute Europeenne n. 4, Un Jour C’est Longtemps Pour Nous Deux.

Ad affiancarlo ci sono ben cinque musicisti ma è con il supporto de Les Problèmes che Antoine arriva trionfante all’anno chiave del beat con un album epocale e le famose Elucubrazioni e le meno conosciute Contro-Elucubrazioni

Arrivano così, in rapida sequenza, le canzoni in inglese e, quindi, quelle in Italiano che trasformeranno i toni polemici delle sue canzoni, in deliranti e innocue canzonette da sagra paesana (Pietre, Titina, La sbornia, Taxi, Che cos’hai messo nel caffè, La felicità, Cannella, La tramontana) per cui il personaggio viene ancora oggi ricordato.

La raccolta appena edita dalla RPM si ferma per nostra fortuna ai primi due anni di carriera fermandosi un attimo prima del collasso artistico del Dylan francese tanto criticato dai suoi più (Johnny Hallyday) o meno (Jacques Dutronc) illustri connazionali. Adesso, lapidatelo voi.

                                                                                    Franco ”Lys” Dimauro

51jYPB0zbhL._SY300_

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...