JOHNNY THUNDERS – Born Too Loose (Get Back) / Belfast Nights (Amsterdamned) / Endless Party (Amsterdamned)

Abilmente “stornate” le note di copertina curate da Nina Antonia (autrice di due biografie fondamentali come In Cold Blood e Too Much Too Soon, NdLYS) dalla doppia raccolta dallo stesso titolo pubblicata dalla Jungle lo scorso anno, la Get Back stampa per il mercato italiano Born Too Loose, ovvero la definitiva (o quasi, perlomeno nella sua integrale originale versione inglese in doppio CD e 39 brani, NdLYS) collezione di Johnny la Bambola, lo Spezzacuori, la Tempesta, l’ultimo perdente del rock. Diciamo subito che questa versione nostrana, spurgata e ridotta a sole 12 tracce risulta più fruibile e dorse quindi più adatta a “focalizzare” piuttosto che a “studiare” il fenomeno Thunders. Certo, qualche classicissmo di perde per strada (You Can’t Put Your Arms Around a Memory Too Much Junkie Business per esempio) ma di quelle canzoni credo ogni lettore ne abbia almeno tra versioni custodite a casa propria. Inoltre, a difesa, possiamo dire che appare un brano altrimenti inedito sul fratellone maggiore ovvero una bella, grezza e romantica cover di Can’t Seem to Make You Mine di seedsiana memoria che ancora una volta ci appende il cuore all’uncino e lo lascia ciondolare al soffitto, e una versione in studio di Blame It to Mom preferita a quella catturata live in Svizzera che compare nella scaletta del disco Jungle.

Se del mito non sapete proprio fare ameno, sono da segnalare un paio di raccolte live appena sfornate dalla Amsterdamned. La prima, Belfast Nights fotografa un concerto del 1984 alla McMordie Hall con il grande Terry Chimes dietro i tamburi e Keith You al basso. La scaletta è quella di sempre, comprese tre (!!!) versioni di Chinese Rocks. La seconda, Endless Party, è ancora una volta la solita passerella di “successi” ripassati dal vivo. Quattordici brani, più o meno i soliti, con note di copertina assenti ingiustificate (soprattutto per quanti non sappiano ancora chi sono gli autori di pezzi come Pills o Pipeline). Per completisti.

 

                                                                                       Franco “Lys” Dimauro 

 R-4447105-1365123987-7639

11

 download

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...