THE DEFECTORS – Bruised and Satisfied (Bad Afro)  

La prima volta che ve ne parlai sul #100 di Rumore, la band danese non era altro che una timida promessa del garage europeo, una delle tante. Con gli anni però il loro giro è cresciuto, i loro dischi sono sbarcati anche in USA e Australia alimentando un interesse tutto sommato esagerato su un gruppo che solo ora comincia invece a definire il suo suono, proprio con questo disco che si stringe attorno al fiorente movimento garage-horror (Ghastly Ones, Demon Seeds, Creepy Creeps, Skeletones e compagnia esangue). Il timbro è, finalmente, quello giusto: eccessivo, criptico, saturo, con un basso fuzz che riempie tutto lo spettro audio e copre come un mantello le linee taglienti dell’organo, e una voce da morlock. Se gli Horrors vi hanno fatto scoprire con qualche decennio di ritardo che il garage punk è un ottimo viatico per le vostre orecchie, credo che i Defectors saranno la vostra prossima “rivelazione”.

                                                                                  Franco “Lys” Dimauro

MI0001875190

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...