WOVEN HAND – Woven Hand (Glitterhouse)  

C’è un cuore nero che batte nel petto dell’America, che si agita, inquieto e fosco.

Scuro e torvo, sta sepolto dentro la sua stessa carne e ci parla di cieli immensi, sperduti come solo certi cieli americani sanno essere. E che quando si gonfiano di nubi, sembrano cotone imbevuto di petrolio, e le saette che gli squarciano le viscere sono cicatrici al neon che si aprono e ricuciono facendoci sentire piccoli e perduti. È la stessa America delle copertine degli Eagles e dei Grateful Dead, ma solo dopo che l’Hotel California ha spento le sue luci per sciogliersi nella lugubre salsedine arrugginita dell’Hotel Montana (Blue Pail Fever) e dopo che un triste killer dal volto sfregiato ha lasciato Jerry Garcia e compari esangui sulla banchina polverosa del loro Workingman’s Dead.

È la stessa, spettrale e malata, descritta nei dischi del Black Heart Procession (un cuore nero, dicevamo…), Hugo Race o di Nick Cave quando usava l’inchiostro per abbeverarci l’anima, piuttosto che firmare liberatorie per mandare la sua immagine su MTV. Funerea e luttuosa, come quella dipinta dentro i dischi degli Sparklehorse.

È l’altra faccia della No Depression, quella cantata dai Woven Hand, è l’ultimo country della Terra (Wooden Brother), intonato da cowboys senza nome appesi ai rami (Story & Pictures). Poco conta che dietro questa sigla si celi una delle menti del nuovo alternative country americano (per la cronaca il leader dei 16 Horsepower, David Eugene Edwards, NdLYS), i Woven Hand sono un’altra cosa, autori di un disco grandissimo, che si abbarbica al cuore e te lo succhia come un pomodoro, non fateveli sfuggire, per niente al mondo.

Franco “Lys” Dimauro

Woven-Hand-cover 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...