BEAVER – Mobile (Man‘s Ruin)    

Un lungo e dignitoso apprendistato nel giro stoner che conta (a fianco dei QOTSA, nel manifesto Stone Deaf Forever e dentro il catalogo Man‘s Ruin, ad esempio) e ora, finalmente, il nuovo album per gli olandesi Beaver. Un gruppo totalmente imbevuto di petrolio sabbathiano tanto che anche questo nuovo Mobile sembra cresciuto lì, tra i solchi di Paranoid e quelli di Vol. 4, con la voce di Roel persa nell’incubo Osbourniano e le chitarre gelide e puntuali a coagularsi nel rifferama tipico dello Iommi più catacombale ed estatico. La forza del gruppo sta però nel riuscire a far “respirare” quella stessa materia che altri si limitano ad esasperare nella sua dimensione più greve ed ossianica privandola di ossigeno. Sembrerebbe eresia, eppure ascoltate le chitarre dividersi lo spazio stereofonico sulla coda di At the Mirror Palace, il riff mellifluo di Circumnavigation o le stilettate di Immaterialized con quel giro che si apre mentre si richiude su se stesso. O ancora le fenditure di cui è ricca la dolcissima Hour Glass: è come se il Sabba Nero venisse sputato fra le stelle, ad agonizzare come una supernova che fluttua nel vuoto.

È quello stesso respiro che alitava pesante su dischi come Ultramega OK o Louder Than Bombs dei Soundgarden. Certo, Roel non ha la duttilità vocale di un Chris Cornell. La sua estensione è praticamente tendente allo zero. Algida come, appunto, quella dell’Ozzy che ricordiamo . Ma alla fine è funzionale alla pulsazione lenta e stordìta del contesto.

Ancora un centro per la Man‘s Ruin.

Ne prendiamo atto.

 

                                                                                                          Franco “Lys” Dimauro

R-1316799-1319452601.jpeg

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...