COUNTING CROWS – This Desert Life (Geffen)

1999. L’autunno, ancora una volta.

This Desert Life è il disco che ci riconcilia con i Counting Crows splendidi intrattenitori del primo album, dopo il fosco Recovering the Satellites. Un disco che vibra dell’America più populista e ordinaria.

Quella di John Fogerty, di Springsteen, di Mellencamp.

Un album che riesce a riconquistare i fans grazie al carisma empatico di Adam Duritz ma che lascia ancora una volta dubbiosi quanti hanno visto nei Counting Crows solo l’ennesima rock band da campeggio. Arrangiamenti e partiture tornano ad essere più essenziali a dispetto della lunghissima lista di ospiti che occupa un’intera pagina del booklet splendidamente illustrato da Dave McKean. Se brani come HanginaroundMrs. Potter’s Lullaby o Four Days ben rappresentano l’ovvietà di una scrittura che mostra evidenti debiti verso il più classico suono americano, la ferite esibite su pezzi come Amy Hit the Atmosphere o Colourblind riescono ancora una volta a catturare le anime tormentate che si dibattono nel limbo fino a trascinarle giù dentro il taccuino magico di Mr. Duritz. Uno che per qualche anno è riuscito davvero a diventare come Bob Dylan e che adesso non riesce più a chiudere occhio la notte.

Come me.

 

                                                                                    Franco “Lys” Dimauro

 

CountingCrowsThisDesertLife

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...