THE OUTSIDERS – CQ (Jackpot)

Seek You. Chi è un radioamatore sa di cosa parlavano gli Outsiders e a cosa si riferisse la richiesta implorante di Wally Tax sull’inquieto strumentale che dava il titolo al loro secondo album, prima dell’esplosione finale che rendeva manifeste a tutti gli altri le orbite sperimentali che la band olandese, al pari degli altri argonauti del beat, stava cavalcando in quel periodo dimostrando come gli zazzeroni ostentati con fierezza servissero in realtà ad occultare delle antenne pronte a captare ogni cosa trasportata dall’etere, dalle frequenze marziane qui intercettate su Doctor ai rumori delle officine occidentali (il grugnito pre-punk della bellissima Misfit ad es. o il finale compulsivo di Prison Song, NdLYS), dai suoni rinascimentali (l’arrangiamento rococò di Daddy Died On Saturday) ad improbabili echi di musiche hawaiane (The Bear), imbastendo una sorta di esperimento di psicofonia musicale.

La ristampa Jackpot merita un plauso per l’inserto placcato argento uguale alla prima tiratura, la bella intervista a Ron Splinter e le gustose note di Mike Stax.

QRZ: Lys from deep deep south, here. Who’s calling me?

 

                                                            

                                                                                              Franco “Lys” Dimauro    

images

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...