URBANIGHTMARE – Nightride of an Italian Saxophone Player (Revenge)  

0

Titolo, nome e immagine di copertina rivelano già gran parte di quanto si cela dietro al nuovo progetto di Bruno Romani (ex-Detonazione) ed Emanuel Donadelli.

Una moderna macchina di lamiera che corre lungo la gola di un corpo metropolitano e dalla quale vengono sputati spruzzi di colori che disegnano un enorme tag, un cangiante arcobaleno di colori da periferia urbana.

La stazione di partenza è quella di John Zorn. Il luogo-città sgusciato, messo a nudo, esibito nella sua spirale di mattoni e metallo, di stelle al led e cuori messi ad asciugare davanti a paludi di plasma.

Elettronica, batteria, sassofono, clarinetto a raccontare lo scollamento fra l’uomo e il mondo grigio e falsamente confortevole che si è costruito come dimora.

La musica di Urbanightmare è il capodoglio che sfugge ad Achab. Impertinente e fiero. Romani è lo sbuffo di quella balena. Voi….voi fareste bene a scegliere un vascello robusto. E a maledir l’arpione mosso da pietà.

 

                                                                                  Franco “Lys” Dimauro