THE MOFFS – The Collection (Feel Presents)

Quando ho sventrato il plico credevo si trattasse di una band omonima. Poi vedo il logo della Feel Presents e capisco che, oltre a me, solo loro potevano ricordarsi dei Moffs, da Sydney: un pugno di dischi che spandevano vapori psichedelici come pipe acide ficcate nel culo della terra degli opossum. Richiami al freakbeat inglese e al folk stellare californiano ma anche più di un aggancio verso le derive acide dei contemporanei Church, Plasticland, Breathless e Leanan Sidhe: psichedelia surreale e ottenebrata dalle ombrosità ereditate dalla wave di quegli anni e che le dilatazioni dell’ultimo periodo avvicinano alle sponde di psichedelia prog di labels come Delerium o Woronzow. Una storia ai margini cominciata nel 1980 e chiusa nell’89 ripercorsa quasi day-by-day da Tim Pittman nelle note del libretto a corredo di questa doppia raccolta. Totalmente fuori dal tempo allora, totalmente fuori moda oggi, i Moffs.

 

                                                                                  Franco “Lys” Dimauro

51lyoq33x8L

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...