ANTISEEN – Southern Hostility / Eat More Possum (Man’s Ruin)

Sfogliate qualunque cazzo di storia del punk e degli Antiseen sentirete parlare poco. Qualche riga scritta di fretta, veloce come la loro musica. Perfetto, per un gruppo che ha sempre vissuto nella periferia, relegato ai margini e che, piuttosto che stare dentro la scena punk ha preferito o è stata costretto a sedercisi al bordo, lanciando ogni tanto uno sputo.
Autolesionisti ed estremi, laidi e cattivi, perdenti anche nella scelta dei compari (GG Allin tra questi, NdLYS). Scomodi dunque e musicalmente ignoranti, incastrati com’erano (e sono) su una ritmica che dire elementare è già eccessivo ed una chitarra che fende con la delicatezza di un flexy.
Gente che i dischi se li fabbricava in casa perchè nessuno avrebbe rischiato un cazzo di lira su canzoni come Kick in the Head o Old Man, Hit the Road e se li portava in giro ai concerti anzichè presidiare le anteprime alla Tower Records.
Ristampati ora su un unico supporto digitale in onore a quel punk spaccatimpani e fracassone amato da Franz Kozik e Jamie Wolf, i loro punk anthems dribblano la rimasterizzazione e restano quello che erano esattamente diciassette anni fa, sporchi, ultradistorti, caciaroni, stradaioli e superelettrici. Un vibratore a 380 volts che vi masturba le cavità, totalmente, orgogliosamente fuori norme CE.

Franco “Lys” Dimauro

MR189

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...