AA. VV. – Boston Underground 1979 -1982 (Moulty)    

Raccolta di nicchia che, come fatto dalla Noise Pollution per la scena di Louisville, va a scavare nelle cripte post-punk di un’altra città basilare nella cartina geografica del rock a stelle e strisce. Si tratta di bands davvero minori (tra cui gli Young Snakes di una giovanissima Aimee Mann) alle prese con il suono wave di importazione britannica. Gli Insteps ad esempio, erano la perfetta reincarnazione dei Cure di epoca 17 Seconds, epurati dalla voce flebile di Robert Smith. Incredibili. Anzi, molto credibili. O ancora gli Art Yard che si nutrivano dello stesso genio sghembo e della stessa abilità pop di Andy Patridge e dei suoi XTC e risultavano in questo straordinariamente fascinosi. Tutta roba che, assieme alle due nervose tracce dei Native Tongue, costituisce la selezione di inediti presenti sul CD e ne rappresenta la parte migliore. Se anche a voi piace scavare nella melma alla ricerca di diamanti, siete serviti.

 

                                                                                  Franco “Lys” Dimauro

 

bos

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...