WITCH HATS – Cellulite Soul (In-Fidelity)  

Scura e inafferrabile la musica dei Witch Hats, quartetto di Melbourne all’esordio “adulto” con questo stordente album di impronta fortemente post-punk. Pensate all’agonizzante abulia, a quell’estetizzante propensione al martirio, a quella insana vocazione per il vilipendio alla bellezza, al drenaggio emotivo di bands come Public Image Ltd. o Birthday Party e non sarete molto distanti dalla musica dei Witch Hats, dal rantolio di Kris Buscombe che si stende sulla implacabile scarica di proiettili del basso del fratello Ash e sul disordinato fragore metallico delle chitarre. C’è qualcosa di realmente apocalittico che sgorga da pezzi come Summer of Pain o Potato Feet, in questi incestuosi rituali tra le aguzze vertigini art-rock dei Pere Ubu e i balletti meccanici dei Killing Joke. Lontano dalle charts, qualcuno affonda ancora coltelli.

 

                                                                                  Franco “Lys” Dimauro

a0991454662_2

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...