FRIJID PINK – Frijid Pink (Repertoire)    

Credo che pochi abbiano dimestichezza con questo moniker apparentemente impronunciabile. Ma chi ha memoria della Detroit inquieta dei tardi anni Sessanta ricorderà che, all’epoca, i Led Zeppelin aprivano per loro e non viceversa. E anche il presidente Nixon li considerava tra le sue bands preferite.

Poi la storia ha seguito il suo corso e sui Pink è calato l’oblio, appena rischiarato dalla venerazione dei seguaci dell’hard-psichedelico di varia guisa ed estrazione, Dave Wyndorf compreso. La ristampa del loro debutto arricchita da cinque bonus tratte dai 45rpm dello stesso anno riapre le porte a questo suono fortemente compromesso col blues, secondo il gusto del periodo, ma pregiudicato da una marcata predisposizione alle alterazioni psichedeliche e dall’amore per i volumi efferati. Un disco che ha resistito con gran dignità all’erosione del tempo e che i fanatici di bands come Guess Who o Amboy Dukes non dovrebbero trascurare.

 

                                                                                  Franco “Lys” Dimauro

R-3233158-1374641842-7304

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...