NAMETESTS – Sii come me (ma prima dimmi come sei tu)

“Quale sarà il tuo lavoro fra 10 anni? Clicca qui per scoprirlo”.

“Lys si fa le pippe. Lys sa cosa pensare quando si fa le pippe. Sii come Lys”

“Cosa rivela la tua foto profilo?” Che sei un cesso, ma io te lo dico dicendoti “Fascino al 75%”

E via così.

Una apparentemente innocua malattia virale, come ce ne sono tante.

Una volta avevamo la gonorrea, la sifilide, l’HIV. Ora che i contatti umani sono ridotti al lumicino abbiamo queste. 

Nulla di strano. 

Lo vedo sulle bacheche dei miei “amici” e subito tento anche io la sorte.

Perchè la furbizia non inquina, la scemenza si.

E’ invasiva più di una sonda per la rettoscopia. 

Scopro che fra dieci anni farò lo scafista.

Che la mia foto profilo rivela che sono intelligente, probabilmente per smentire che se sto giocando in questo modo invece di scoparmi le cento persone che hanno messo il mi piace sono un emerito imbecille, che i miei amici più importanti dell’anno appena trascorso sono quelli che a malapena mi salutano per strada. Alida, Tiziana, Cinzia e non ricordo più chi altri. Dicendomi ancora una volta in maniera diplomatica che non solo sono imbecille ma che il fatto è dimostrabile dagli amici che mi sono scelto. 

Bene. Comunque sia, sii come Lys. Divertiti.

Ovviamente è un gioco (pericoloso, e vedremo poi perché). O meglio: è un test-gioco. Uno di quelli che appaiono regolarmente sui social e promettono di svelarti “quale animale sei”, “quanto ne sai sull’amore”, “qual è il tuo colore” e “quale personaggio storico saresti”. Difficile resistere. In fondo, pensiamo, è un gioco. Una sciocchezza che farà divertire noi e i nostri amici ai quali – sempre via social – invieremo il risultato ottenuto.

Per la verità ne esistono anche di più “seri” (all’apparenza), attraverso i quali possiamo misurare la nostra conoscenza dell’italiano, di una lingua straniera o di un periodo storico.

Ogni volta che clicchiamo sui post che reclamano questi test, veniamo indirizzati in un sito che in pochi secondi ci fornisce un risultato.

Non ci mandano a fare in culo, ci mandano “innocuamente” su un sito.

Ovviamente è una scemenza, pensiamo.

Che però costa cara a chiunque partecipi a questi giochi-test che dietro al loro aspetto ludico nascondono ben altro. Ovvero un algoritmo che lavora come una macchinetta da poker truccata, tanto per rendervi un’idea visiva.

Cosa elabora, esattamente? Più di quello che potete immaginare.

Ma, soprattutto chi c’è dietro?

Restiamo al gioco-test sul lavoro. A lanciarlo, come gli altri citati in questo posto, è un sito tradotto in venti e più lingue denominato nametests.com. È di proprietà dell’azienda Social Sweethearts con sede a Cologna (per scoprirlo bisogna cliccare in basso nella pagina di Nametests, sulla scritta informazioni legali, dove nessuno quasi mai clicca).

Social Sweethearts, malgrado il dolcissimo nome da marshmallow, è uno dei più grandi fornitori mondiali di siti Web e video virali, app per smartphone (sia IOS sia Android) e di strategia di marketing digitale tutti volti “a generare nuovi clienti, download e fan alla vostra società”. Ogni volta che clicchiamo sui loro test consegniamo loro i nostri dati e ciò che abbiamo fatto su Facebook ma anche i dati sensibili di tutti i nostri amici di social, compresi i dati usati per in fase di registrazione, i link cui si collegano (grazie a quell’altra trovata apparentemente innocua e moderna di Google+ e del Cloud che fa si che il vostro piccolo mondo privato di privato non abbia realmente NULLA), nonostante poi siamo solerti a coprire le facce dei nostri bambini con degli emoticojon da veri mongoloidi, celando al mondo quello che invece andrebbe mostrato. Dati che l’azienda (e tutte le altre simili che offrono test-gioco) userà per inviarci pubblicità mirate via social ma anche via mail. Basta che decidiamo di partecipare anche a un solo test (per “divertirci” un po’), per dare l’assenso a frugare nelle nostre vite e ad invaderci di pubblicità.

Uno scambio tutt’altro che alla pari. Ma una buona parte di quei dati vengono rivelati a tutti, in maniera così oscena e plateale che è stupido pure spiegarlo. Perchè molti di questi test, quelli che in particolare si riferiscono ai vostri “rapporti” con gli altri, rivelano chiaramente con chi fra loro interagite di più. Anche se lo avete nascosto alla moglie. O al marito. O al compagno gay. O ai figli. O al datore di lavoro. O agli altri amici. O al mondo intero. E’ così che funziona un algoritmo. Un selfie che vi immortala mentre state toccando le cosce alla moglie del vostro miglior amico mentre ve la siete seduta accanto sul seggiolino delle montagne russe, sperando nessuno se ne accorga e che la vostra faccia da coglioni (buffa al 90%, direbbe Nametests) basti a distrarre gli altri. Che invece sono lì nella vostra bacheca proprio per sbirciare (voyeaur al 70%). A meno che non siate un’anaconda o un’iguana. Ma c’è un test anche per quello.
Ragion per cui, se mai dovesse spuntare il mio nome fra quelli dei vostri “amici del cuore” (ma non spunterà), siete pregati di non pubblicarlo. Copritemi con una foto del vostro gattino. 

Ma voi non siate come Lys. Siate quel che hanno deciso voi siate.

Fate i vostri test e fateci sapere cosa sarete fra dieci anni, quali Giuda vi abbracciano e qual è il significato del vostro nome in aramaico, che alla Nametests sono tutte persone sensibili. Come i vostri dati.  

 

                Franco “Lys” Dimauro 

Untitled

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...