LED ZEPPELIN – Coda (Swan Song)  

A riprova di come l’idea di rivestire i bozzoli delle canzoni di In Through the Out Door dalla patina moderna dei synth sia arrivata solo nelle successive fasi di lavorazione del disco, alcuni dei provini più grezzi hanno l’onore di una investitura ufficiale a due anni dalla morte di Bonham e dei Led Zeppelin.

Gli scarti di quell’ultimo lavoro occupano la seconda facciata di Coda, il bellissimo testamento cui Robert Plant mette mano nel 1982, marginale alla discografia ufficiale del gruppo eppure inaspettatamente vibrante, quasi a voler testimoniare come la sepoltura della più grande hard rock band inglese sia avvenuta a salma ancora viva.

Seppur stringatissimo nel contenuto (gli Zep non amavano lasciare scarti del loro lavoro), Coda ripercorre agilmente tutta la storia della band, partendo da una grintosissima cover di We’re Gonna Groove usata spesso per scaldare il pubblico nei primissimi concerti e chiudendosi appunto con i bellissimi avanzi dell’ultimo lavoro in studio passando per delle dignitosissime outtakes da Led Zeppelin III e Houses of the Holy che meritavano, appunto, di finire su un disco.

Anche se in “coda” ad un decennio di eccessi cui si è dovuto pagare pegno.

Il cielo è sgombro di dirigibili, a Oriente e ad Occidente.

Ma sulla terra si vede ancora la sua ombra.   

Sotto, gli dei pagani hanno seppellito la loro scure.

 

                                                                                              Franco “Lys” Dimauro  

 

led-zeppelin-coda-deluxe-reissue

Annunci

3 thoughts on “LED ZEPPELIN – Coda (Swan Song)  

  1. Grande reverend , ti volevo chiedere, la grandezza tecnica dei 4 diciamo 5 col manager non si discute nonostante la nomea di ladri , visto i plagi clamorosi sui primi dischi , la mancate royalties a più di un artista ,sapevi il motivo per cui gli stones li odiavano tanto? sempre sia cosa vera. ciao

    Mi piace

    • Ciao. Non mi risulta gli Stones odiassero i Led Zeppelin. Keef ha dichiarato diverse volte di non apprezzare la voce di Robert Plant ma, del resto, ha pure dichiarato più volte la sua ammirazione per Jimmy Page. Chi ti ha dato questa notizia?
      Lys

      Mi piace

  2. avevo letto da qualche parte che proprio il duo jagger-richards li odiasse , ho pensato che nel periodo di massimo splendore degli stones 69-73 gli unici che potevano competere erano i Led . e che il dirigibile gli faceva parecchia ombra.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...