ONE DIMENSIONAL MAN – You Kill Me (Gammapop)  

Confortante vedere come l’Uomo ad una dimensione non abbia disatteso l’appuntamento col “difficile terzo album”. Nessuno sbandamento, nessun cedimento. E questo malgrado la musica del terzetto si sia fatta alquanto complessa e multiforme. I ponti col passato non sono stati spezzati e il blues deturpato rimane ingrediente base di qualche episodio come nel Jon Spencer-style di Lovely Song e nei fantasmi Jesus Lizard che qua e là si affacciano tra le lamiere contorte di Elvis o nel rallenti licenzioso di Sad Song. Ma You Kill Me vive di un dinamismo inquieto già palpabile nel taglio new wave dell’inaugurale Saint Roy e via via sviluppato nel minuto e mezzo de-evoluto e meccanico di This Man in Me, nella tortura noise di Inferno, nello sviluppo quasi emo della title-track, nella marcetta zoppa di Broken Bones Waltz o in quella parodia triviale di Fever che è Oh! Oh!.

Nessun altro gruppo in Italia può vantare una trilogia di album così incredibilmente devastanti e pregni di energia e catarsi. Qualcosa che davvero ti schianta al suolo e ti spacca lo stomaco.

Preziosi e indispensabili.

 

                                                                                  Franco “Lys” Dimauro

One_Dimensional_Man_-_You_Kill_Me-front

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...