PUBLIC ENEMY – It Takes a Nation of Millions to Hold Us Back (Def Jam)  

0

Era un muscolo cardiaco pulsante di rabbia quello che batteva dentro i dischi dei Public Enemy, preciso e implacabile come quell’orologio appeso al collo di Flav. L’ultimo plateale urlo di orgoglio nero prima che le lusinghe del music biz trasformassero il rap, loro compresi, in macchina sputasoldi. Era l‘88, e almeno fino all’uscita di Apocalypse, tre anni dopo, la posse di Chuck D era all’apice artistico della propria storia militante, il megafono fiero e inquietante del riscatto nero immerso in un universo di sirene e fischi meccanici a ricreare il sound delle moderne, alienanti metropoli sempre più vicine a giungle di perversione e violenza. La Bomb Squad morde arrabbiata, isolando l’atomo James Brown come fosse la particella base del groove. Gli MC ci arrovellano sopra le loro frasi. Tutt’intorno un perenne ululare di sirene. Un po’ come quelle che si sentono risuonare per tutta Long Island, la terra di nessuno dove i Public Enemy hanno il loro quartier generale. Proclami buttati un po’ a casaccio, a dire il vero. Facendo si che alla fine i Public Enemy dentro quel mirino ci finissero per davvero.

All’epoca però, la crew guidata da Chuck D e Flavor Flav riuscì davvero a fare del rap un linguaggio universale veicolando messaggi che andavano ben oltre la goliardia dei Beastie Boys e i semi di black pride dei Run-DMC e penetrando, pur usandone solo le briciole (del centinaio di “piani sequenza” utilizzati dalla squad per realizzare lo schermo sonoro su cui i due rapper stendono le loro rime, solo una piccolissima parte ha una paternità rock), nel tessuto connettivo del rock internazionale, spianando la strada a gruppi come Wu-Tang Clan e Cypress Hill.

Certo, ascoltarli prescindendo dal messaggio per giusto o sbagliato che sia, così come era per i maestri che li hanno ispirati (Last Poets e Gil Scott-Heron in primis), è esercizio leggermente improduttivo e retorico.

Un po’ come portare la rivoluzione su un salotto e servirle un bicchiere di succo di pera con gin. Ma almeno di questo loro non hanno colpa.

   

                                                                                    Franco “Lys” Dimauro

nationofmillions

UNION CARBIDE PRODUCTIONS – In the Air Tonight (Radium 226.05)

0

Perchè gli Union Carbide Productions sono stati cancellati dalla storia?

Nessuno lo sa con precisione.

Eppure quando nel 1987 il gruppo svedese riscrisse Fun House intitolandolo In the Air Tonight, qualcuno tra noi gridò al miracolo. Me compreso. Il miracolo era, appunto, replicare l’urlo primordiale degli Stooges. Replicarlo in maniera credibile, intendo. Non erano tante le band in grado di farlo, all’epoca. Io ne ricordo solo tre: i Miracle Workers in America, i Boohoos in Italia e gli UCP in Svezia.

Fra tutti, gli scandinavi si approcciavano all’anima più free della formazione di Detroit, catturandone in pieno lo spirito anarchico, a volte puntellandolo ai solchi con mazze d’acciaio, come accade nelle brevi In the Air Tonight e Three Mile Eyes, o liberandolo tra i fiordi, in attesa che il Diavolo lo riconosca e venga a riprenderselo, come nella catarsi rumorista di Down on the Beach, undici minuti e mezzo di calor bianco, barriti di mammut e voci aliene, liberando un uovo che schiudendosi darà vita, pochi anni dopo, ai Monster Magnet.    

 

                                                                                  Franco “Lys” Dimauro

HPR-079-UCP-In-The-Air-800x800-750x750