CHE CAROGNE – Triodo (Crab Sound)  

0

Ottobre 2016. Mentre viene consegnato il premio Nobel per la letteratura a Bob Dylan, in Italia esce il terzo album de Le Carogne.

In CD, che lo apri e ti leggi i testi.

O in LP, che lo sfili e ti leggi i testi.  

Perché bisogna essere Carogne fino in fondo. E i quattro di Imperia lo sono. Altrimenti si sarebbero chiamati I Codardi.

La mia ironia da prete (suvvia, rientro pur sempre nella categoria, no?) serve a dirvi che, ovviamente, ognuno è poeta a modo suo. Che ognuno ha delle cose da raccontare. E che in questo mondo c’è spazio per tutti, anche se cominciamo davvero a stare strettini. Ma anche in questo caso, il fastidio è direttamente proporzionale a chi ti ritrovi davanti. O subito dietro.

Quindi ben venga Dylan e i suoi testi che si adattano a tutto, dall’incontro ecumenico del sabato pomeriggio al festival hippie ma ben vengano pure Le Carogne, che sono la deriva burlona/sci-fi del beat-punk italiano. L’unica analogia che mi sento di fare, a livello di approccio dissoluto e simpaticamente malvagio, è quella con il pattume beat dei bergamaschi Le Muffe.

Poi, ovviamente, ognuno legga i testi che vuole e premi quel che crede più opportuno. Ma io da un po’ di tempo mi diletto più a leggere il Lercio che il Resto del Carlino.

 

                                                                                              Franco “Lys” Dimauro

13442343_1381625821854022_7153207057455339152_n

Annunci