EAE – Meditations in Motion (Manza Nera)  

0

I titoli contano poco. Nel caso specifico ma pure, per il sottoscritto, nella vita reale. Ho sempre chiamato “signore” chi reputavo tale, anche se la targhetta del campanello cui suonavo recava qualche altro altisonante titolo davanti al cognome oggetto della mia visita.

Poco male dunque se dentro Meditations in Motion i titoli, a parte pochissimi casi, mancano. “Meditazioni” le chiamano Bruno Romani e Fred Casadei, queste schegge folleggianti che poco hanno a che fare pure con quello che il luogo comune associa alla meditazione. Di meditabondo c’è veramente poco dentro questo progetto dei due musicisti italiani.

L’Electro Acoustic Ensemble tira sassate alle vetrate del jazz.

Quello che ascoltate è il rumore di quei vetri che vanno in frantumi. Geometrie disordinate e aguzze disegnate dagli strumenti a corda che si dispiegano come funi di giocolieri e dai pungenti interventi di un sassofono che si cala nelle vesti di un funambolo ardimentoso e virile. È musica in qualche modo furiosa, disubbidiente all’ordine. Che medita più su come fuggire dalla gabbia del mondo che sulle leggi che ne regolano la disciplina.

Forse sarebbe il caso cominciaste a farlo pure voi.       

 

                                                                                              Franco “Lys” Dimauro

a3133939747_16

HIDDEN TRAILS – Instant Momentary Bliss (Elektrohasch)

0

Il legame molecolare diretto è con gli Hypnos 69, di cui gli Hidden Trails raccolgono un paio di superstiti. Il punto di intersezione stilistico è invece, per usare un vocabolario accessibile a tutti, fra i Motorpsycho del periodo Let Them Eat Cake/Phanerothyme e i Radiohead che con i palloni aerostatici si salvano dal crollo della diga grunge per alzarsi in volo sulle particelle d’aria psichedelica. Rispetto alle scorribande cosmiche tipiche delle produzioni Elektrohasch siamo dunque davanti a qualcosa di più facilmente inquadrabile dentro un perimetro “pop”, con ampi spazi di folk stellare (Beautiful Void, Ricky, Leaving Like That) e cunicoli stoner dove la pressione aumenta come dentro la gola di un vulcano (Hands Unfold, Space Shuffle, Denser Diamond) per esplodere in un fantastico spettacolo pirotecnico, appena fuori dalla nostra capsula esosferica.

Grazie per questo magnifico viaggio, Hidden Trails.

 

                                                                                  Franco “Lys” Dimauro

a3549625356_10