RUDI PROTRUDI – The Fuzztone (FanPro)  

L’ultima volta che lo intervistai, due anni fa, Rudi Protrudi mi confessò di essere in dirittura di arrivo per la pubblicazione della sua biografia. Un lavoro che, tra un tour, una vacanza e qualche rara sortita in studio lo ha tenuto impegnato per ben quindici anni, avendoci messo mano per la prima volta nel lontano 2002. Ovvero, più o meno, da quando la storia dei Fuzztones si è lentamente trasformata in una eterna, perpetua celebrazione del proprio passato con decine di ristampe, raccolte, cofanetti, pubblicazioni di memorabilia, rarità, concerti, dischi tributo e di cui questa biografia spalmata su due volumi formato 20×30 rappresenta per adesso l’ultimo tassello.

Un’operazione mastodontica.

Ma del resto Protrudi ha attraversato indenne cinquanta anni di sesso e rock ‘n roll, ha scopato e suonato con così tanta gente che io non riuscirei neppure a tenerne il conto col pallottoliere e invece lui ricorda date, orari, situazioni con una precisione sorprendente. Invidiabile dunque non solo per averle fatte, le orge con le Pandoras o i concerti con Esquirita, con i Dead Boys, con i Pretty Things, con Lydia Lunch e cento altri ma anche per averne ancora un ricordo così vivido, nonostante in un paio di passi del libro Rudi si dichiari poco contento del livello di fosforo del suo cervello. Dunque dentro The Fuzztone potrete saziare ogni curiosità riguardante la più longeva e conosciuta garage-band del mondo e il loro incontrastato leader, anche la più pruriginosa. Dalla prima masturbazione alla strumentazione usata per quel capolavoro che rimane Lysergic Emanations passando per il difficile rapporto col padre, i viaggi “formativi” a New Orleans, gli intrighi sessuali e sentimentali di ogni componente della band, gli sputi, le legnate, gli scazzi, le umiliazioni, i trionfi, le carognate, i raggiri, il mai risolto odio di Tim Warren nei loro confronti e la loro irriverente antipatia verso i Cramps, i cameo televisivi, gli incontri fortuiti o programmati con i loro eroi, la passione per i “mostri” degli anni Cinquanta, le richieste di reunion sovvenzionate dalla mafia siciliana, i tour cancellati dagli attacchi di diarrea, le esperienze di magia bianca, l’omosessualità usata come trucco per evitare la “chiamata” dello Zio Sam, il sentimento di inadeguatezza che invade i Fuzztones nel dopo-Lysergic Emanations. Di tutto e di più, insomma. Tirando nel mucchio genitori, parenti, compagni di scuola, groupies, autisti, discografici, promoter, ballerine di burlesque, negozianti di dischi, trafficanti di bootleg, spacciatori, roadies, nazi-skin, conduttori televisivi, rivali e compari, maestri, emuli, animali domestici, fan devoti e voltagabbana. Tutti. Con la spietatezza e il cinismo che ben si sposano al Rudi Protrudi così come credevamo di conoscerlo. E che dunque, conoscevamo, pur senza avere contezza di ogni dettaglio della sua vita, qui sviscerato con particolare, esagerata insistenza sui risvolti sessuali di ogni faccenda, toccando l’argomento mediamente in un paragrafo su due ed esibendo tutto l’orgoglio di ribattezzare la band come la Paisley Pussy Posse. Che insomma…ci si sente quasi in colpa ad aver eletto i Fuzztones a gruppo della propria vita pensando che l’unica cosa interessasse loro fosse scoparti la ragazza. Ma questo erano, sono, i Fuzztones.

Recuperando memorie personali, interventi e ricordi di amici, colleghi, rivali, giornalisti, locandine, copertine di riviste, flyer, foto e quant’altro, Rudi Protrudi rivela dunque al mondo ogni retroscena della sua vita votata al Culto del Fuzz con l’approccio ormai a tutti noto di un ego smisurato che rivendica la paternità, anche lessicale, su un sacco di cose, in un crescendo di esaltazione personale che culmina nell’epilogo conclusivo dove viene stilata la lista delle band che hanno aperto “per” loro. Finendo per fare di questa biografia un’agiografia.

Al di là del suo taglio però The Fuzztone era un’opera necessaria, per onorare la band che più di qualunque altra, lo si voglia prendere per un complimento oppure no poco importa, ha contribuito a diffondere la febbre del garage-punk anche in territori dove forse non avrebbe mai dilagato ed è riuscita a coagulare attorno a sé un’enorme massa di appassionati provenienti anche da sottoculture profondamente diverse. Incrostando la tavolozza del rock ‘n roll da oltre trentacinque anni.    

E veniamo ai due CD allegati gratuitamente a corredo dei due volumi: nel primo caso si tratta di un’ottima riedizione del concerto all’Electric Banana di Pittsburgh del Febbraio dell’85 già pubblicato dalla Sin Records e dalla Cleopatra e che fareste bene a procurarvi in un modo o nell’altro, mentre nell’altro caso si tratta di una esecrabile raccolta di registrazioni di fortuna  alcune delle quali tranciate, altre del tutto inascoltabili, che vedono coinvolto Protrudi in veste di autore, musicista, guest-star, prim’attore o praticante.  Del tutto trascurabile, ma considerando che non viene chiesto un Euro in più, prendetelo come un compendio audio alle vicende narrate in queste quattrocento pagine.

Che è molto probabile rimarranno scritte in inglese, siccome la proposta di traduzione inviata a quelle che dovrebbero essere le più ricettive case editrici italiane, da Goodfellas a Vololibero, è rimasta priva di alcuna risposta dimostrando come l’amore per l’Italia citato diverse volte da Rudi lungo questa biografia in realtà non sia del tutto un amore ricambiato. 

 

                                                                                  Franco “Lys” Dimauro

book-one-cover_

 

book_two_cover_ml

Annunci

One thought on “RUDI PROTRUDI – The Fuzztone (FanPro)  

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...