BANCO DEL MUTUO SOCCORSO – Darwin! (Dischi Ricordi)  

Uno dei dischi più maestosi dello spaghetti-prog fu senz’altro Darwin! dei romani Banco del Mutuo Soccorso, nome preso in prestito dalle società di mutuo soccorso create dai contadini come cassa comune. Il tema del disco è, come rivelato dal titolo, quello dell’evoluzione della specie ma a colpire è la teatralità che avvolge l’intera opera, degna di essere portata in scena come un musical, se anche lì non si finisse sempre per rappresentare il Gobbo di Notre-Dame o La Bella e la Bestia.

La copertina è affidata a Wanda Spinello, la stessa disegnatrice che ha messo la firma in calce alle copertine dei due dischi della Premiata Forneria Marconi dello stesso anno e coi quali la stampa italiana mette in piedi una supposta rivalità Roma/Milano di cui esiste traccia solo, appunto, sulle riviste dell’epoca.  

Siamo nel 1972 e anche il rock, seguendo l’iter Darwiniano, sta “progredendo”. La figura del chitarrista, fino a quel momento usata come vero parafulmine capace di convogliare tutte le energie elettriche scaraventate sulla Terra dal Dio del rock, viene soppiantata da quella un po’ più borghese del manovratori di tasti d’avorio. Moog, Hammond, VCS3 hanno repentinamente soppiantato le Fender e le Gibson nell’immaginario collettivo. E i Banco del Mutuo Soccorso, grazie a Vittorio Nocenzi, possono vantarsi di averne uno che in quanto ad inventiva e abilità ha davvero pochi rivali. Ma il vero protagonista del disco è lo “scimmione” Francesco Di Giacomo. Il personaggio che manca ai presunti rivali della P.F.M. fucina di grandi musicisti ma privi di un vero front-man. Cosa che invece è Di Giacomo, assoluto padrone delle sue possibilità vocali e fisicamente intrappolato nella figura di un orco barbuto perfettamente calzante con l’”ingombro” parossistico e il romanticismo grottesco che la musica del suo gruppo riesce metaforicamente a proiettare. Le sue capacità interpretative e l’innegabile raffinatezza affabulatoria delle sue liriche sono il quid che li distanzia da ogni altro gruppo pop del periodo e Darwin! il disco con cui il prog italiano conquista la posizione eretta.   

 

                                                                                   Franco “Lys” Dimauro

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...