SFERA EBBASTA – Sfera Ebbasta (BHMG/Roccia Music/Universal/Def Jam)  

2

I più giovani fra i miei lettori mi chiedono se mi piace Sfera Ebbasta.

E io rispondo “no”. Ma non “no” ebbasta.

Rispondo che no, non mi piace. E che il fatto che non mi piaccia non è da prendere come una condanna al rapper di Cinisello Balsamo. Tutt’altro. Il fatto che non piaccia a chi si affaccia alla soglia dei cinquant’anni ne legittima paradossalmente il messaggio. Il fatto che il “Trap King” si faccia così sfacciatamente portavoce di valori che cozzano con quelli della mia generazione o con quelli che nel ruolo che la ruota della vita ci ha obbligato a vestire (genitori, educatori, insegnanti, ecc.) ci impegniamo a difendere o trasmettere peccando spesso in coerenza ne rinvigorisce la sua forza.

La musica e il messaggio di Sfera sono il prodotto della civiltà contemporanea. Che va oltre l’edonismo dei nostri venti anni, della nostra società del “sono in quanto ho” ma si appropria del territorio esibendo conquiste consumistiche di lusso ed esclusive (il Rolex, i vestiti griffati, le Lamborghini, il Mercedes) moralmente discutibili che certificano uno status di ricchezza non solo raggiunta ma ostentata con spregio, con sfacciataggine estrema. Tutto ciò che era condannabile senza possibilità di appello negli anni Settanta, che veniva messo alla berlina mediatica dagli zoom dei paparazzi negli anni Ottanta e che veniva ritenuto moralmente inaccettabile nel rap militante degli anni Novanta, diventa qui protagonista assoluto.    

È una società parassitaria, sgombra di miti che non siano quelli del possesso egocentrico fine a se stesso, cresciuta come muschio sulle piante che abbiamo innaffiato di più e che evidentemente non erano le stesse per le quali mostravamo, mentendo, di avere più cura. Condannabile nella misura in cui riusciremmo a tirarci fuori dal vortice civettuolo, dal falso perbenismo, dalla nevrosi da sovraesposizione, dal sudicio maschilismo vomitato sulla pagina della Leotta e dal cannibalismo vorace che invece noi stessi alimentiamo nelle vetrine pubbliche fuori e dentro i social network, amputando una parte di noi stessi che preferiamo invece mantenere “periferica”.

La musica di Sfera Ebbasta amplifica, nelle liriche, nell’uso esasperato dell’auto-tune e di stranianti beat esanimi (non c’è uso di campionamenti “consapevoli”, di flash che cerchino ponti emotivi col passato o che cerchino di agganciare in qualche modo la memoria collettiva) quel marciume e si innesta con prepotenza dentro la grande macchina senza fare propaganda politica, rifiutando il buonismo di facciata, rendendo collettivo l’egoismo arrivista più spietato proprio come avviene nei social che, propagandando l’inizio di una nuova era di relazioni sociali, sono invece diventate le cesoie che hanno reciso i deboli fuscelli dei rapporti umani.

Mettendoci di fronte al nostro stesso fallimento, Sfera Ebbasta ci impone di non accettarlo nel novero degli artisti che salveremmo dalle fiamme dell’Inferno.

Perché noi siamo uomini probi e perdoniamo solo Barabba e Jovanotti.

Ebbasta.

                                                                                              Franco “Lys” Dimauro