FUZZY HASKINS – I Got My Thang Togheter (Westbound)  

0

Membro attivo del Parlamento Clintoniano (so che capirete) per tutta la prima metà degli anni Settanta (fino al costosissimo delirio del P-Funk Live Earth Tour), Clarence Haskins inteso “Fuzzy” realizzò fra il ’76 e il ’78 un paio di piacevolissimi album a nome proprio per la Westbound portandosi dietro la crema del P-Funk così come l’aveva immaginato George Clinton. Musicisti come Bootsy Collins, Tiki Fulwood, Cordell Mosson, Donald Austin, Boogie Mosson, Bernie Worrell, Jerome Brailey resero A Whole Nother Thang e Radio Active due piccoli gioielli di black  music lieta di contaminarsi con la disco-music e di strizzare l’occhio al gusto pop più sdolcinato (I’ll Be Loving You avrebbe potuto funzionare benissimo anche nel repertorio di Lenny Kravitz o Temple of the Dog, tanto per dire, NdLYS). Sempre con grandissimo stile e un tiro grasso e funk, come dimostrano Cookie Jar, Thangs We Used to Do, The Fuz and Da Boog, Which Way Do I Disco, Not Yet, I Can See Myself in You dove riesce a togliersi anche qualche sassolino dalle scarpe sul trattamento riservatogli da Mr. Clinton (che ad un certo punto decise di tenere fuori dai suoi dischi le canzoni scritte da Haskins). Rinnegati in parte dallo stesso Fuzzy per via di certi contenuti non proprio “evangelici” dopo la sua conversione religiosa che lo portò a diventare predicatore battista, la Westbound li ripubblica adesso quasi per intero su questa bella raccolta di sedici brani che può farvi conoscere, se non ne avete mai letto il nome, uno dei migliori autori e musicisti neri degli anni Settanta.       

                                                                                  Franco “Lys” Dimauro

Annunci