THE PANDORAS – Hey! It’s The Pandoras (Burger)  

0

A voi ogni tanto viene nostalgia delle Pandoras?

A me si. È più la nostalgia di un’epoca e degli eroi che la resero viva. La Voxx, la Midnight, gli Outta Place, gli Unclaimed, i Chesterfield Kings, i Tell-Tale Hearts, i Miracle Workers, i Fuzztones, Lee Joseph, Greg Shaw, tutta quella roba lì che nel recupero del beat-punk degli anni Sessanta aveva trovato la sua ragione di vita e ce ne aveva ritrasmesso l’euforia. Poi in molti avrebbero/avremmo abdicato, le Pandoras per prime. Ma quel momento ha conservato, per chi c’era, la sua magia.

Hey! It’s The Pandoras riporta le Pandoras e noi indietro nel tempo, un attimo prima di quella abiura. Ai tempi di Stop Pretending. Anche la formazione è quasi identica, con gli opportuni aggiustamenti del caso: Kim Shattuck è adesso impegnata nel ruolo che fu di Paula Pierce mentre Karen Blankfeld si occupa adesso del basso e Melanie, come sempre, delle tastiere. Hillary Burton è invece la nuova batterista, incontrata sui social e chiamata a rilevare il ruolo originario di Kim. Sempre in rete la band ha ritrovato l’entusiasmo dei fans che l’hanno spinta a serrare nuovamente le fila per lavorare al nuovo disco. Che è breve e conciso ma suona davvero, tra cover (It’s Getting Harger All the Time dei Mindbenders e You Burn Me Up and Down dei We the People) e brani vecchi e nuovi, come un gradito ritorno alle origini. Non so se queste sette canzoni riusciranno ad attirarne di nuovi, ma sono certo che fra i vecchi estimatori il ritorno delle Pandoras non deluderà l’imprevisto incontro. Preparatevi ad abbracciarle. Sopra o sotto la cinta, fate voi.   

 

                                                                                  Franco “Lys” Dimauro

 

Annunci