IACAMPO – Fructus (Urtovox/Ala Bianca)  

0

Marco Iacampo è cantautore dotato di garbo. Le sue canzoni hanno quel misurato tepore tropicale che abbiamo trovato spesso fra i dischi di Avion Travel, di Fabio Concato o, con più esuberanza, di Mario Venuti e, come quelli, vive di toni educati e colori moderati, primaverili.   

Dentro c’è una cosa come Le mie canzoni che è un pezzo che farebbe mordere le mani a Motta per quel minimalismo cromatico che riesce a penetrare sotto la pelle. Ma la scrittura di Iacampo è ricca di quella tenerezza e di quella fiducia nel futuro e negli altri che manca a Motta e che sfocia nell’ottimismo di pezzi come La vita nuova, Dividi il pane, I demoni, Dormi fino ad un giorno nuovo. La sua musica ha le punte arrotondate come le forbici per i bambini dell’asilo.

Ci rassicura su un amore miracoloso che può ancora aprire le sue ali per proteggerci dalle ingiurie del mondo e sollevarci in alto come l’ombrello di Mary Poppins.

Sulla succosa genuinità dei frutti.

Sull’avvicendarsi prodigioso delle messi e delle stagioni.

Sull’altruismo che ricompensa di ogni atto generoso.

Sui cerotti che rimarginano le ferite. Quando in realtà le nascondono soltanto.           

 

                                                                                  Franco “Lys” Dimauro

Annunci