CALIBRO 35 – Decade (Record Kicks)  

0

Tecnicamente e grammaticalmente è da un decennio e non da una decade che la musica dei Calibro 35 risuona nelle sale concerto e tra le mura di casa nostra. Ma poco importa. Perché le musiche dell’ensemble milanese sembrano essere lì da almeno mezzo secolo. Quindi, per chi come me non ha ancora varcato la soglia dei cinquant’anni, da sempre.

Decade rappresenta, al di là della débâcle linguistica, l’ulteriore perfezionamento della cifra stilistica della pregiata formazione italiana: l’aggiunta degli archi e della sezione fiati apre la porta a nuove possibilità, permettendole di infittire la trama musicale ma anche di sganciarla da quella fusione di elementi jazz e funk tipici della loro produzione e dell’immaginario sonoro e cinematografico cui si ispira e che tuttavia rappresenta sempre il loro punto nevralgico, il perfetto nodo di raccordo fra la nostra memoria e l’astuto talento con cui i Calibro 35 riescono a teletrasportarci (come nella bellissima SuperStudio, magico esempio di musica per poliziotteschi immaginari o nello scattante orchestrale di Faster Faster!) in quei luoghi schiacciati dal peso di altri ricordi.

Sono quelli i brani in cui i Calibro 35 soddisfano i nostri bisogni, probabilmente sempre meno i loro. Si avverte infatti, ma si avvertiva anche nel disco precedente, il bisogno di sperimentare strade nuove, di spostarsi verso certe forme di minimalismo, di ricerca ambient, di destrutturazione melodica (Modulor, Polymeri, Travelers) che fu ambito d’azione trasversale proprio dei nostri maestri della musica “da film” (penso ovviamente a Morricone, Alessandroni così come ai Goblin ma soprattutto alla serie Dimensioni Sonore di Bruno Nicolai) e che potrebbero aprire il catenaccio della gabbia dove la formazione ha deciso volutamente di rinchiudersi.

E noi, malgrado tutto, sappiamo che la loro eventuale fuga non ci farà piacere.     

 

                                                                                  Franco “Lys” Dimauro

Annunci