THE DUKES – …Get The Dukes (Mystery Scene)  

Prendete tre ragazzoni tedeschi invasati per i Pretty Things e in generale per tutto il R ‘n B bianco coevo e permettete loro di registrare un disco, un solo disco, proprio mentre fuori impazza la grandine grunge, al riparo di un’etichetta gloriosa come la Mystery Scene (Wylde Mammoths, Crimson Shadows, Mistreaters, Untold Fables).

Il risultato, pubblicato nel 1991 è …Get The Dukes. Chitarre che ti sculacciano le natiche e armonica a bocca a strisciare sulle ferite che ti si aprono inevitabilmente sulla carne. Come succede in I’ll Come Back o I Got Something to Say.

Ma non solo, perché dentro l’unico album dei Dukes ci sono anche delle superbe ballate come We’ll Be Together, Bad Guy Indeed, Something on My Mind o It Would Have Been in Vain, intrise di blues e di quello spleen nordico che abbiamo imparato ad amare nei dischi dei Q65 e degli Outsiders, un quasi-Spencer Davis come The Old Hangman Is Dead e qualche cover d’ordinanza come You’re on My Mind dei superbi Birds o Roadrunner di nonno Diddley che aggiungono sapore al brodo, fino a farci venir voglia di leccare il piatto. Come bestie cui è concesso raramente di poter sorbire questo nettare prezioso.

Ciao Dukes, grazie per averci concesso di bere ancora dal Sacro Graal del rock ‘n’ roll.  

 

                                                                                              Franco “Lys” Dimauro

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...