DARK POLO GANG – Trap Lovers (Triplo 7 Entertainment)  

Tre cani.

O come diavolo si scrive.

Si, insomma, l’estate scorsa il più noto dizionario di lingua italiana aggiorna come sempre il suo lessico arricchendo il nostro con l’aggiunta del neologismo “bufu” ovvero: “per noi puoi andartene affanculo” (avevano inserito anche quello, probabilmente dopo la morte di Leopardi). L’origine non è greca e non è latina. Il termine è stato coniato (conato + una i) dalla Dark Polo Gang ovvero la combriccola di pischelli più conosciuta del trap madrepatrico (per adesso Word mi sottolinea il termine, ma lo lascio in attesa venga accettato come neologismo, NdLYS) che arriva adesso al vero e proprio debutto collettivo, dopo una serie di mixtape e di dischi che della Dark Polo portavano l’hashtag.

Album attesissimo, questo Trap Lovers, dopo una stagione di sovraesposizione televisiva (addirittura una serie TV, come i Monkees nel ‘66) e radiofonica culminata con la nomination a giudici della nuova edizione di StraFactor. Un disco che conferma la DPG nel suo ruolo, che è essenzialmente la versione 2.0 di quella del Piotta all’interno della scena hip-hop di venti anni fa. Un incrocio tra il mondo dei cartoon e quello dei truzzi di città.

Quello che viene fuori da Trap Lovers è un universo di figli di papà che hanno poche cose da desiderare e che difendono l’unico valore che conoscono: quello del portafogli di papà, appunto.

Dark Polo Gang, come molti loro coetanei, hanno pochissimi idoli, pochissimi punti di riferimento, una mitologia che si può riassumere dal civico 1 al civico 48/a di Via dei Condotti. Sono un po’ dei cartelloni pubblicitari che si muovono ciondolanti pubblicizzando griffe e grandi firme, una versione finto-gangsta della Ferragni.

Come dei Pu Yi chiusi dentro la loro città proibita, i piccoli imperatori romani della trap consumano i loro giorni tra alberghi di lusso, auto di lusso, troie di lusso, ristoranti di lusso, barche di lusso. E scrivono di quello che sanno. Che non è molto distante dal mondo magari meno desiderabile del contadino che vive in una catapecchia senza confrontarsi col resto del mondo.

Difendono il loro piccolo impero di carta. Cavalcano l’onda del loro stesso successo.

Giocando tuttavia in difesa, ché dentro il disco non c’è una vera genialata, un vero passo che possa costringere la scena a farne uno altrettanto lungo per raggiungerli, lo scarto che in qualunque ambito separa i condottieri dai condotti (c’ho lavorato un po’ ma sono riuscito a creare la rima con Via dei Condotti. Sono un cane anch’io, NdLYS).   

Trap Lovers riconferma il loro cattivo gusto elevato a modello di vita, la capacità di saper bluffare con la freddezza dei grandi bari. Portando nessun messaggio ma facendolo scivolare dentro la consueta “trap”pola di beat elettronici arricciati.

Moderni, certo.

Ma non più di quelli di due o tre anni fa. Come se alla fine nella trappola ci siano rimasti imprigionati anche loro che si vantavano di averne le chiavi.

  

                                                                                  Franco “Lys” Dimauro

TRAP-LOVERS-disco-cover.jpg

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...