LUCIO DALLA – Duvudubà (Sony Music)  

0

https://twitter.com/francescoassisi/status/175179782793867266.

Con questo Tweet postato alle ore 12.24 dell’1 Marzo 2012 i frati francescani della basilica di San Francesco d’Assisi danno al mondo intero la notizia della morte di Lucio Dalla, cogliendo il mondo alla sprovvista. Nessuno ha ancora diramato la notizia, neppure le agenzie di stampa: Lucio Dalla ha stupito tutti ancora una volta, suo malgrado.

Quel giorno la musica italiana perde il suo gremlin dispettoso. L’artista che ha dato un senso tutto suo alla musica d’autore italiana, trovando una strada che non fosse quella già tracciata dai cantautori francesi o americani e neppure quella asfaltata e comoda che si fermava spesso negli autogrill della canzone melodica. Un artista che si adatta a tutti gli abiti di scena, da quelli jazz a quelli a quelli bitt, da quelli della romanza a quelli del prog a quelli della canzonetta, da quelli del barbone (è così che si veste, mendicando addirittura davanti alle porte dell’Ariston, quando lo chiamano a partecipare a Sanremo) a quello dell’elegante artista venerato dal popolo come un piccolo Napoleone peloso, scoprendo via via che gli stanno stretti tutti.

Quel Primo Marzo dunque l’Italia si sveglia più povera. E di molto.

E siccome in Italia le celebrazioni dei morti non finiscono mai, ecco arrivare l’ennesima commemorazione. Duvudubà, l’onomatopeico titolo scelto come omaggio allo “scat” tanto amato da Dalla e che ne caratterizzerà il personaggio al pari dei suoi occhialetti rotondi, riavvolge nuovamente il nastro sulla carriera del cantautore bolognese (saltando però a piè pari le prime produzioni degli anni Sessanta) regalandoci, oltre a materiale poco conosciuto, anche un inedito assoluto: Starter è una canzone priva di un vero e proprio gancio melodico, di un ritornello, di un volto riconoscibile. Rotola sulla schiena spinta da una voce da orso su un morbido tappeto elettronico fino a concedersi ad un assolo di sassofono che è simbolicamente l’abbraccio finale di Lucio al suo pubblico e a se stesso, alla sua storia. Così piace pensarlo a noi che siamo uomini piccoli e romantici facili alla commozione quando è invece più verosimile si trattasse di uno dei tanti burattini di legno cui Lucio si dedicava tornando di tanto in tanto a soffiargli il soffio della vita perché camminasse da solo. 

La rimasterizzazione dei 70 pezzi (quella a 192 kHz dell’Archivio del Suono che recentemente ha “ritrattato” tra gli altri i cataloghi di Battisti e De André e che attraverso un processo di ridigitalizzazione dovrebbe riportare la qualità dei master alla qualità originaria da studio, anche se va detto che il risultato, pur eccellente,  viene in parte neutralizzato dalla normale riproduzione domestica, NdLYS) rende giustizia alle canzoni già magnifiche degli anni Settanta, rendendo gli abissi di Com’è profondo il mare ancora più abominevoli e il basso de La signora un martello che ci inchioda al nostro perbenismo di facciata, alla nostra croce borghese da portare in processione lungo la nostra via crucis quotidiana. Nonostante la cospicua cornucopia di canzoni, restano infatti quelli lanciati nel camino della musica italiana tra la fine degli anni Settanta e i primi anni Ottanta i ceppi con cui Dalla ci ha scaldato di più e meglio. E  difatti più di un terzo della scaletta si risolve in quel cinquennio formidabile che ci portò in dono canzoni come Cara, L’ultima luna, Disperato erotico Stomp, Futura, La sera dei miracoli, Milano, Stella di mareIl cucciolo Alfredo, Quale allegria, Anna e Marco, Cosa sarà scivolando poi nelle inevitabili Caruso, Piazza Grande, Ciao, Attenti al lupo, Vita e Se io fossi un angelo che tanto piacciono alle mamme e ai bambini facendo di Lucio Dalla uno dei veri artisti trasversali della storia della musica popolare italiana.

  

                                                                                  Franco “Lys” Dimauro