ROBERTO ANGELINO – Cover Story (Vololibero)  

0

Ho trovato il titolo (suggerito, confessa l’autore, da una sedicente amica della Vanoni Giovanna Siliprandi) un po’ banale. Meno, molto meno banale, il contenuto: 76 copertine di altrettanti dischi di musica italiana su cui Roberto Angelino si diverte a raccontarci location, aneddoti, connessioni e curiosità. Se può sembrare un’idea già sfruttata, la scorsa al volumetto si rivela invece curiosa. Se è opinabile (e cosa non lo è, del resto?) la scelta delle copertine oggetto di analisi, è certamente insolito curiosare su una varietà di dischi così diversi per provenienza artistica e storica (si va avanti e indietro dagli anni Sessanta a stamattina, dai Cugini di Campagna a Coez, da Biagio Antonacci a Marco Parente) e su copertine che spesso abbiamo giudicato con sufficienza (cosa che, una volta letto il libro, continueremo comunque a fare, soprattutto conoscendone o sospettandone il contenuto, NdLYS).

La scelta dell’autore non è dunque legata ad un giudizio estetico (almeno così è facile supporre visto che a parte rarissime eccezioni si tratta di copertine alquanto brutte) ma è vincolata, costretta quasi, alle vicende di cui Angelino è a conoscenza e che dunque si fa carico di raccontarci e che intreccia tra loro passando in rassegna anche storie legate ad altri artisti e ad altre copertine, in un gioco a domino che ci obbliga ad una lettura completa e non “a scheda”, sovvertendo lo schema scelto dall’impaginazione.

Troverete dunque delle copertine “iconiche” (poche, in realtà: Rimmel di De Gregori, Dalla di Lucio Dalla, Anime salve di De André, Una donna per amico di Battisti, Rane supreme di Mina) accanto ad altre (tante) che magari ci sono passate del tutto inosservate mentre sfogliavamo i dischi negli scaffali di qualche negozio di dischi.

Tutte un po’ penalizzate dal piccolo formato del libro che per motivi di spazio le riduce alle dimensioni di un francobollo degli Emirati Arabi, tanto che non è possibile verificare i particolari raccontati in alcuni casi come per le cover di Malika Ayane, Gemitaiz o Ligabue, ma sono le storie e i gossip raccontati usando quelle come pretesto a costituire il vero prezioso contenuto del libro.

Pochi, giustificabili, i da me tanto odiati “refusi” di stampa e tutti comunque concentrati nella bella prefazione a firma Luciano Tallarini, forse aggiunta senza opportuna verifica in fase di pre-edizione.

Mancano inspiegabilmente, ed è un crimine contro l’umanità, tutte le copertine ideate da Gianni Sassi per il catalogo della Cramps Records. Mancano pure, tra gli artwork più recenti e più facilmente riconoscibili, le copertine dei Tre Allegri Ragazzi Morti o quelle del Malleus Rock Art Lab, autentiche opere d’arte messe al servizio della musica rock. E mancano sicuramente altre copertine cui voi siete legati per qualche motivo.

Roberto Angelino sceglie quelle cui ha qualcosa da raccontare.

La firma in copertina è la sua, del resto.

Voi preoccupatevi di comprare il libro e di far tesoro delle sue rivelazioni.

Poi, tornate alle copertine (e ai dischi) che più vi aggradano.

                                                                                  Franco “Lys” Dimauro

Annunci