THE DI MAGGIO CONNECTION – Rowdy (Thunderball)  

0

Marco Di Maggio suona la chitarra come Guglielmo Tell usava la balestra.

Al di là dei riconoscimenti internazionali che ormai credo occupino tutte le pareti del suo studio domestico, l’arte di Di Maggio è, oltre che strabiliante, altamente godibile. Rockabilly, swing, country e un certo gusto western colano come salsa BBQ su ogni suo nuovo disco e anche questo Rowdy ne è pieno. Uno di quei dischi in cui niente accade a caso e che pure ti trasmettono un senso di contagiosa, positiva spontaneità. Roba come The Red Bridge, Rock’A’Tango,To and Frò o la corsa alle calcagna di Smoke on the Water danno davvero le pacche sul culetto di tanti artistucoli da quattro soldi che si spacciano per supereroi.

Bravo Di Maggio.  

 

                                                                                               Franco “Lys” Dimauro