THE HECK – Who? The Heck!!! (Dirty Water) 

0

File under: Sixties punk, Garage rock, Teenage loserbeat.

E non sono balle.

Solo, da una band olandese mi aspettavo qualcosa di più, non solo una fracassona versione dei Fleshtones come quella che viene fuori da pezzi come For Cryin’ Out Loud e Money o una versione sgasata dei Gun Club e dei Nomads periodo Call Off Your Dogs come quella che mi tocca sentire su Love That’s Gone (orribile e con un cantato fuori registro), Nothing Will Do, You Call It Love o That Moon.

L’unico pezzo assimilabile al garage-punk, con tanto di stridio d’organo alla Strollers, è I Won’t Change, posto davanti ad uno scolastico strumentale vagamente cow-punk che scalcia nella sabbia di un deserto che non c’è e che pure pare ci sia, ascoltando i passaggi a vuoto di questo disco.    

                                                                                Franco “Lys” Dimauro