EDDIE COCHRAN – Eddie Cochran / Singin’ to My Baby (Hoodoo)

0

Malvagio pensarlo, cinico scriverlo.

Ma Eddie Cochran e la sua tragica morte rimangono ad epiteto della filosofia rock ‘n roll più spiccia e, spesso, bugiarda: vivi veloce, muori giovane.

Cochran muore giovanissimo.

A diciotto anni è già nel firmamento del rock ‘n roll.

A ventuno è nel firmamento e basta.

Una escalation di singoli, un album, un tour che lo porta in volo in Gran Bretagna.

È un biglietto di sola andata. E lui lo sa già.

Lo sa già quando scrive Teenage Heaven, il paradiso degli adolescenti.

E se ne ricorda ancora quando butta giù Three Steps to Heaven.

Troppo, troppo veloce Eddie.

Il secondo album è già un disco “alla memoria”: mentre la Liberty lo pubblica saccheggiando tra piccolo classici come Somethin’ Else, C’mon Everybody, Sittin’ in the Balcony o Summertime Blues, qualcuno seppellisce la sua salma tra quelle di Laurel Hardy ed Errol Flynn, giù al Forest Lawn Memorial Park.

My shattered nerves have seen better days
No more girls for a week or 2
No more runnin’ ‘round with the usual crew
No more movies or stayin’ out late
My baby have to find herself another date.

Neeeervous Breeeeakdown.

Ci manchi Eddie.

 

                                                                                              Franco “Lys” Dimauro

images

Annunci